frasi di latino: N. Comprendere e tradurre n.7b pag. 170

Messaggioda Thebest4ever » 1 mag 2009, 15:21

Avrei bisogno dell'es 7b pag 170 nuovo comprendere e tradurre. Le frasi sono dall'italiano al latino... Grazie anticipatamente

Thebest4ever

Utente SILVER
Utente SILVER
 
Risposte:

Messaggioda didaskalos » 2 mag 2009, 7:57

cortesemente.. Thebest4ever...
le puoi scrivere...?

grazie
byby

didaskalos

TUTOR di SkuolaSprint
TUTOR di SkuolaSprint
 

Messaggioda Thebest4ever » 2 mag 2009, 14:17

certo le frasi sono:
1. la maggior parte degli uomini stima molto la ricchezza, che i filosofi non stimano per nulla.
2. chi ha mai stimato tanto qualcuno - dice cicerone- quanto io stimo pompeo?
3. credo che la tua opera in quesa faccenda conterà moltissimo.
4. non bisogna giudicare gli uomini più di quanto valgono.
5. milone, accusato di violenza e di broglio elettorale, si rifugiò a marsilia.
6. l'imputato fu assolto dal'accusa di concussione.
7. socrate fu ingiustamente condannato a morte dagli ateniesi.
8. pisone inviò delle lettere a tiberio in cui accusava germanico di lussuria e di superbia

... Scusa se le scrivo ora ma nn mi andava il computer...

Thebest4ever

Utente SILVER
Utente SILVER
 

Messaggioda didaskalos » 2 mag 2009, 16:25

1. la maggior parte degli uomini stima molto la ricchezza, che i filosofi non stimano per nulla.
plerique homines magni faciunt divitias, quas nihili philosophi faciunt.

2. chi ha mai stimato tanto qualcuno - dice cicerone- quanto io stimo pompeo?
quisnam tanti aliquem fecit - ait Cicero - quanti ego Pompeium facio ?

3. credo che la tua opera in quesa faccenda conterà moltissimo.
tuam operam censeo in hac re plurimi futuram esse

4. non bisogna giudicare gli uomini più di quanto valgono.
homines pluris quam sunt iudicandi non sunt

5. milone, accusato di violenza e di broglio elettorale, si rifugiò a marsilia.
Milo, vi et de ambitu damnatus, Massiliam confugit

6. l'imputato fu assolto dal'accusa di concussione.
reus repetundarum ( de repetundis ) absolutus est

7. socrate fu ingiustamente condannato a morte dagli ateniesi.
Socrates immerito capite ab Atheniensibus damnatus est

8. pisone inviò delle lettere a tiberio in cui accusava germanico di lussuria e di superbia
Piso ad Tiberium litteras misit, ( in ) quibus Germanicum libidinis et superbiae accusabat

ciao Thebest4ever :wink:

didaskalos

TUTOR di SkuolaSprint
TUTOR di SkuolaSprint
 

Messaggioda Thebest4ever » 2 mag 2009, 20:41

Grazie grazie grazie!!!!! grazieate

Thebest4ever

Utente SILVER
Utente SILVER
 

Torna a LATINO e GRECO

release check: 2022-06-02 07:00:32 - flow version _RPTC_G1.1