Memorabili 1.6.1, 1.6.4

Senofonte, Memorabili 1. 6. 1 - 1. 65 - Antifonte critica Socrate

Ἄξιον δ’ αὐτοῦ καὶ ἃ πρὸς Ἀντιφῶντα τὸν σοφιστὴν διελέχθη μὴ παραλιπεῖν.

ὁ γὰρ Ἀντιφῶν ποτε βουλόμενος τοὺς συνουσιαστὰς αὐτοῦ παρελέσθαι προσελθὼν τῷ Σω- κράτει παρόντων αὐτῶν ἔλεξε τάδε· [1. 6. 2] Ὦ Σώκρατες, ἐγὼ μὲν ᾤμην τοὺς φιλοσοφοῦντας εὐδαιμονεστέρους χρῆναι γίγνε- σθαι· σὺ δέ μοι δοκεῖς τἀναντία τῆς φιλοσοφίας ἀπολελαυ- κέναι. ζῇς γοῦν οὕτως ὡς οὐδ’ ἂν εἷς δοῦλος ὑπὸ δεσπότῃ διαιτώμενος μείνειε· σῖτά τε σιτῇ καὶ ποτὰ πίνεις τὰ φαυ- λότατα, καὶ ἱμάτιον ἠμφίεσαι οὐ μόνον φαῦλον, ἀλλὰ τὸ αὐτὸ θέρους τε καὶ χειμῶνος, ἀνυπόδητός τε καὶ ἀχίτων διατελεῖς.

[1. 6. 3] καὶ μὴν χρήματά γε οὐ λαμβάνεις, ἃ καὶ κτω- μένους εὐφραίνει καὶ κεκτημένους ἐλευθεριώτερόν τε καὶ ἥδιον ποιεῖ ζῆν. εἰ οὖν ὥσπερ καὶ τῶν ἄλλων ἔργων οἱ διδάσκαλοι τοὺς μαθητὰς μιμητὰς ἑαυτῶν ἀποδεικνύουσιν, οὕτω καὶ σὺ τοὺς συνόντας διαθήσεις, νόμιζε κακοδαιμονίας διδάσκαλος εἶναι.

[1. 6. 4] καὶ ὁ Σωκράτης πρὸς ταῦτα εἶπε· Δοκεῖς μοι, ὦ Ἀντιφῶν, ὑπειληφέναι με οὕτως ἀνιαρῶς ζῆν, ὥστε πέπεισμαι σὲ μᾶλλον ἀποθανεῖν ἂν ἑλέσθαι ἢ ζῆν ὥσπερ ἐγώ. ἴθι οὖν ἐπισκεψώμεθα τί χαλεπὸν ᾔσθησαι τοῦ ἐμοῦ βίου.

Merita anche che non si dimentichino le sue discussioni con Antifonte Sofista.

Infatti Antifonte una volta si recò da Socrate con l'intenzione di portargli via i compagni e alla presenza di quest'ultimi gli disse "Io pensavo che quelli che si dedicano alla filosofia o Socrate dovessero diventare più felici ma mi sembra che dalla filosofia tu ottenga risultati opposti. tu conduci, per esempio un tipo di vita come neppure potrebbe rimanere uno schiavo che vive sotto un padrone; mangi i cibi e bevi le bevande modestissimi (di scarsa qualità), e non solo indossi una misera veste, ma anche indossi sempre la stessa d'estate e d'inverno, e in più vai sempre scalzo e senza tunica (oppure puoi tradurre così: indossi un mantello che non solo è di cattiva qualità ma è lo stesso d'estate e d'inverno e vivi costantemente senza scarpe e senza chitone).

E per di più non accetti denaro denaro, che porta gioa a chi lo acquista e fa vivere in modo più conveniente a un uomo libero e più piacevole chi lo possiede Se dunque come i maestri delle altre discipline fanno diventare i propri scolari loro imitatori così intendi fare anche tu con i tuoi (scolari), sappi che sei un maestro di infelicità" E Socrate diceva contro queste (parole): "O Antifonte, mi sembra che tu presuma che la mia vita sia così intollerabile, che sono sicuro tu preferiresti morire piuttosto che vivere la mia vita.

release check: 2020-12-11 21:44:56 - flow version _RPTC_G1.1