Senofonte, Memorabili 3. 7 1

Χαρμίδην δὲ τὸν Γλαύκωνος ὁρῶν ἀξιόλογον μὲν ἄνδρα ὄντα καὶ πολλῷ δυνατώτερον τῶν τὰ πολιτικὰ τότε πραττόντων, ὀκνοῦντα δὲ προσιέναι τῷ δήμῳ καὶ τῶν τῆς πόλεως πραγμάτων ἐπιμελεῖσθαι, "λεγε μοι", ἔφη, "ὦ Χαρμίδη, εἴ τις ἱκανὸς ὢν τοὺς στεφανίτας ἀγῶνας νικᾶν καὶ διὰ τοῦτο αὐτός τε τιμᾶσθαι καὶ τὴν πατρίδα ἐν τῇ Ἑλλάδι εὐδοκιμωτέραν ποιεῖν μὴ θέλοι ἀγωνίζεσθαι, ποῖόν τινα τοῦτον νομίζοις ἂν τὸν ἄνδρα εἶναι;" Δῆλον ὅτι, ελεγε, "μαλακόν τε καὶ δειλόν."

Memorabili libro 7 capitolo 3 passim 1 - Traduzione letterale

Vedendo Carmide figlio di Glaucono che era un uomo degno di considerazione e molto più capace di coloro che in quel tempo trattavano gli affari pubblici, ma che esitava a presentarsi al popolo e ad occuparsi dei fatti della città, "Dimmi" (gli) chiese "o Carmide, se uno, pur essendo in grado di vincere le gare con corona, e per questo egli stesso essere onorato e di rendere la patria più illustre nell'Ellade, non volesse sforzarsi, uno così come lo considereresti?" "E' chiaro: un debole e un vigliacco".

(Traduzione di Anna Maria Di Leo)

release check: 2020-12-11 21:45:15 - flow version _RPTC_G1.1