Il diluvio universale - taxis versione greco Apollodoro

Il diluvio universale
VERSIONE DI GRECO di Apollodoro
Traduzione libro taxis

ἐπεὶ δὲ ἀφανίσαι Ζεὺς τὸ χαλκοῦν ἠθέλησε γένος, ὑποθεμένου Προμηθέως Δευκαλίων τεκτηνάμενος λάρνακα, καὶ τὰ ἐπιτήδεια ἐνθέμενος, εἰς ταύτην μετὰ Πύρρας εἰσέβη.

Ζεὺς δὲ πολὺν ὑετὸν ἀπ᾽ οὐρανοῦ χέας τὰ πλεῖστα μέρη τῆς Ἑλλάδος κατέκλυσεν, ὥστε διαφθαρῆναι πάντας ἀνθρώπους, ὀλίγων χωρὶς οἳ συνέφυγον εἰς τὰ πλησίον ὑψηλὰ ὄρη.

τότε δὲ καὶ τὰ κατὰ Θεσσαλίαν ὄρη διέστη, καὶ τὰ ἐκτὸς Ἰσθμοῦ καὶ Πελοποννήσου συνεχέθη πάντα. Δευκαλίων δὲ ἐν τῇ λάρνακι διὰ τῆς θαλάσσης φερόμενος "ἐφ᾽" ἡμέρας ἐννέα καὶ νύκτας ἴσας τῷ Παρνασῷ προσίσχει, κἀκεῖ τῶν ὄμβρων παῦλαν λαβόντων ἐκβὰς θύει Διὶ φυξίῳ.

Ζεὺς δὲ πέμψας Ἑρμῆν πρὸς αὐτὸν ἐπέτρεψεν αἱρεῖσθαι ὅ τι βούλεται: ὁ δὲ αἱρεῖται ἀνθρώπους αὐτῷ γενέσθαι. καὶ Διὸς εἰπόντος ὑπὲρ κεφαλῆς ἔβαλλεν αἴρων λίθους, καὶ οὓς μὲν ἔβαλε Δευκαλίων, ἄνδρες ἐγένοντο, οὓς δὲ Πύρρα, γυναῖκες

TRADUZIONE n. 1

Allorchè Zeus volle sterminare la stirpe umana del Bronzo, Deucalione, su consiglio di Prometeo, costruita che ebbe un'arca, e imbarcateci le provviste, salì su di questa in compagnia di Pirra.

Zeus, riversata una gran quantità di pioggia dal cielo, inondò numerosissime parti della Grecia, cosicchè vennero massacrati tutti gli uomini, ad eccezione dei pochi che riuscirono a fuggire sulle alte montagne nei dintorni. A quel punto le alture di fronte alla Tessaglia si aprirono separandosi e le regioni al di fuori dell'Istmo e del Peloponneso si mescolarono insieme tutte quante.

Deucalione, giacchè veniva trasportato, nell'arca, attraverso il mare, dopo nove giorni ed un medesimo numero di notti, approdò sul Parnaso, e, poiché colà eran cessati gli acquazzoni, uscito che fu dall'arca, celebrò sacrifici in onore di Zeus, protettore degli esuli.

Dunque Zeus, inviato che ebbe Ermes alla sua presenza, gli concesse di scegliere ciò che desiderasse. Egli richiese che generasse nuovamente gli uomini. E, allorchè Zeus gli accordò il permesso, sollevando alcune pietre sopra il capo, le gettava, e quelle che scagliava Deucalione, divennero uomini, mentre quelle che scagliava Pirra, donne.

traduzione n. 2 altro utente

Dopo che Zeus volle distruggere la stirpe del bronzo, Deucalione, su consiglio di Prometeo, avendo costruito un'arca e avendovi posto a bordo il necessario, vi si imbarcò con Pirra. Zeus avendo versato molta pioggia dal cielo sulla maggior parte delle regioni della Grecia, così da distruggere tutti gli uomini tranne pochi, che fuggirono nelle alte montagne lì vicino. Quindi (Deucalione) vedeva queste cose per due anni, sia in Tessaglia che fuori dall'Istmo e dal Peloponneso, e fu tutto demolito. Deucalione, trasportato in mare sull'arca, approda al arnaso per nove giorni e altrettante notti, e lì una volta terminate le pioggie fa un'offerta a Zeus protettore degli esuli. Zeus avendogli mandato Ermes gli affida il compito di fargli avere ciò che volesse. Egli sceglie di avere uomini. E dicendogli così Zeus, egli lanciava delle pietre sollevandole sopra la testa: quelle che gettò Deucalione divennero uomini, quelle che gettò Pirra divennero donne

Traduzione tratta Dal libro Meltemi (diversa)

Quando Zeus decise di far scomparire la stirpe di bronzo, Deucalione, su consiglio di Prometeo, dopo aver costruito un'arca, e dopo avervi imbarcato le cose necessarie, vi salì insieme a Pirra. Zeus, poi, avendo riversato dal cielo una pioggia abbondante, sommerse la maggior parte della Grecia al punto che tutti gli uomini vennero distrutti, tranne quei pochi che erano fuggiti sugli alti monti vicini. In quella circostanza anche le montagne della Tessaglia restarono isolate, e tutte le regioni fuori dall'Istmo e dal Peloponneso vennero sommerse dalle acque. Deucalione navigando sull'arca in balia del mare per nove giorni e nove notti, alla fine si fermò sul monte Parnaso e lì, quando la pioggia cessò, dopo essere sceso, offrì un sacrificio a Zeus protettore dei fuggiaschi. Allora, Zeus, avendo inviato Ermes, gli permise di chiedere ciò che volesse: ed egli chiese di poter avere degli uomini. E quando Zeus diede il suo assenso, raccogliendo sassi li gettava dietro le spalle e, quelli che gettava Deucalione, diventavano uomini, invece, quelle che gettava Pirra, diventavano donne. Da allora i popoli hanno preso per metafora il loro nome "laos" da quello che indica la pietra.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-08-10 08:21:36