Il sogno di Ecuba e la nascita di Paride - versione greco Apollodoro

Il sogno di Ecuba e la nascita di Paride
versione di greco di Apollodoro

Stando per partorire un figlio, ad Ecuba sembrò in un sogno di partorire un tizzone ardente, e le sembrò che questo distruggesse tutta quanta la città e la bruciasse.

Priamo, essendo venuto a conoscenza della visione fatta da Ecuba, mandò a chiamare il figlio Esaco.Stando per partorire un figlio, ad Ecuba sembrò in un sogno di partorire un tizzone ardente, e le sembrò che questo distruggesse tutta quanta la città e la bruciasse. Priamo, essendo venuto a conoscenza della visione fatta da Ecuba, mandò a chiamare il figlio Esaco, era infatti un inteprete dei sogni istruito dal nonno materno Meropo.

Costui, avendo detto che il figlio avrebbe generato la distruzione della patria, ordinava di abbandonare il figlio. Priamo, quando nacque il bambino, permise ad un membro della della famiglia che se ne sarebbe curato, di abbandonarlo presso il monte IDa.

Il membro della famgilia si chiamava Agelao, il piccolo fu abbandonato da questi e per cinque giorni fu nutrito daun orso. Avendolo trovato salvo, lo portò via, e, dopo essersene preso cura nelle campagne, lo notrì come proprio, avendolo chiamato Paride. Essendo diventato adolescente ed essendo cambiato molto per vigore e coraggio, fu soprannominato Alessandro.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-08-10 08:21:27