Descrizione della Gallia - Cesare

Descrizione della Gallia Versione latino Cesare
traduzione analisi verbi

Gallia est omnis divisa in partes tres, quarum unam incolunt Belgae, aliam Aquitani, tertiam qui ipsorum lingua Celtae, nostra Galli appellantur. Hi omnes lingua, institutis, legibus inter se differunt. Gallos ab Aquitanis Garumna flumen, a Belgis Matrona et Sequana dividit. Horum omnium fortissimi sunt Belgae, propterea quod a cultu atque humanitate provinciae longissime absunt, minimeque ad eos mercatores saepe commeant atque ea quae ad effeminandos animos pertinent important, proximique sunt Germanis, qui trans Rhenum incolunt, quibuscum continenter bellum gerunt. Qua de causa Helvetii quoque reliquos Gallos virtute praecedunt, quod fere cotidianis proeliis cum Germanis contendunt, cum aut suis finibus eos prohibent aut ipsi in eorum finibus bellum gerunt . Eorum una, pars, quam Gallos obtinere dictum est, initium capit a flumine Rhodano, continetur Garumna flumine, Oceano, finibus Belgarum, attingit etiam ab Sequanis et Helvetiis flumen Rhenum, vergit ad septentriones

La Gallia nel suo complesso è divisa in tre parti: delle quali una è abitata dai Belgi, una dagli Aquitani, la terza da quelli che nella loro lingua si chiamano Celti, nella nostra Galli. Tutte queste popolazioni differiscono tra loro nella lingua, nelle istituzioni e nelle leggi. Divide i Galli dagli Aquitani il fiume Garonnna, dai Belgi la Marna e la Senna. Di tutti questi i più valorosi sono i Belgi, perché sono i più lontani dalla raffinatezza e dalla civiltà della provincia, e molto raramente i mercanti si recano da loro a portarvi quei prodotti che servono ad effeminari gli animi, e sono i più vicini ai Germani che abitano oltre Reno, con i quali sono ininterrottamente in guerra. La parte in cui, come si è detto, risiedono i Galli, inizia dal Rodano, è delimitata dalla Garonna, dall'Oceano, dai territori dei Belgi, raggiunge anche il Reno dalla parte dei Sequani e degli Elvezi, è volta a settentrione

Analisi del periodo

Gallia est omnis divisa in partes tres (PRINCIPALE), quarum unam incolunt Belgae, aliam Aquitani, tertiam (RELATIVA introdotta dal pronome QUARUM) qui ipsorum lingua Celtae, nostra Galli appellantur (RELATIVA di II GRADO introdotta dal pronome QUI). Hi omnes lingua institutis legibus inter se differunt (PRINCIPALE). Gallos ab Aquitanis Garunna flumen, a Belgis Matrona et Sequana dividit (PRINCIPALE). Horum omnium fortissimi sunt Belgae (PRINCIPALE), propterea quod a cultu atque humanitate Provinciae longissime absunt (CAUSALE introdotta dal QUOD) minimeque ad eos mercatores saepe commeant (COORDINATA della precedente causale)atque ea important (altra COORDINATA della causale) quae ad effeminandos animos pertinent (RELATIVA dipendente dall'ultima causale introdotta dal pronome QUAE) proximique sunt Germanis (COORDINATA della PRINCIPALE "fortissimi sunt Belgae") qui trans Rhenum incolunt (RELATIVA della precedente coordinata della principale), quibuscum continenter bellum gerunt (altra RELATIVA della coordinata della principale). Qua de causa Helvetii quoque reliquos Gallos virtute praecedunt (PRINCIPALE), quod fere cotidianis proeliis cum Germanis contendunt (CAUSALE), cum aut suis finibus eos prohibent aut ipsi in eorum finibus bellum (TEMPORALE introdotta dal cum cui segue il indicativo del verbo "PROHIBENT"). Eorum una pars (quam Gallos obtinere dictum est = RELATIVA introdotta dal QUAM che si riferisce al soggetto della principale UNA PARS) initium capit a flumine Rhodano (PRINCIPALE), continetur Garunna flumine Oceano finibus Belgarum (CCORDINATA della principale), attingit etiam ab Sequanis et Helvetiis flumen Rhenum (altra COORDINTA della principale), vergit ad Septentriones(altra COORDINATA della principale). Belgae ab extremis Galliae finibus oriuntur (PRINCIPALE), pertinent at inferiorem partem fluminis Rheni (COORDINATA della principale), spectant in Septentrionem et Orientem solem (altra COORDINTA della principale). Aquitania a Garunna flumine ad Pyrenaeos montes et eam partem Oceani( quae est ad Hispaniam pertinet = RELATIVA introdotta dal pronome QUAE riferito al precedente QTIAM PARTEM) spectat inter occasum solis et Septentrionem(PRINCIPALE)

VERBI -perscribuntur = indic. presente passivo, 3^ p.pl. da perscribo, is, scripsi, scriptum, ere (3^)  /  haberi = infinito presente passibo da habeo, es, habui, habitum, ere (2^)  /  potuit = indic. perfetto, 3^ p.s., da possum, potes, potui, posse (composto di sum)  /  iniit = indic. perfetto da ineo, inis, inii (inivi), initum, ire (irr.)  /  excepto = participio perfetto in ablativo da excipio, is, cepi, ceptum, ere (3^)  /  decernitur = indicativo presente passivo, 3^ p.s., da decerno, is, decrevi, decretum, ere (3^)  /  profugiunt = indicativo presente attivo, 3^ p.pl., da profugio, is, fugi, ere (3^)  /  se conferunt = indicativo perfetto riflessivo, 3^ p.pl., da confero, fers, tuli, latum, ferre (composto di fero, irr.)  /  erat = indicativo imperfetto, 3^ p.s., da sum, es, fui, esse  /  exspectabat = indicativo imperfetto attivo da exspecto, as, avi, atum, are (1^)  /  deduci = infinito presente passivo da deduco, is, duxi, ductum, ere (3^)  /  posset = congiuntivo imperfetto, 3^ p.s.,  da possum.


COMPLEMENTI
-  Haec = soggetto (nom.n.pl. da hic, haec, hoc, pronome dimostrativo)  /  senatus = genitivo di specificazione (4^ decl.)  /  consulto = ablativo di causa efficiente  /  a.d. = ante diem = ante + accusativo = c. tempo determinato  /  V primis diebus = ablativo (quinque è indeclinabile) di tempo continuato (molto raro  in Cicerone e Cesare, più frequente in Livio e posteriori)  /  quibus = ablativo del pronome relativo qui, quae, quod, con valore temporale  /  senatus = soggetto  /  qua ex die = complemento di tempo continuato  (dies, diei, in questo caso, è femminile)   /  consulatum = c. oggetto  /  de imperio, de amplissimis viris = de + abl. = complementi di argomento  /  Caesaris = c. di specificazione  /  tribunis = apposizione di viris  /  gravissime, acerbissime = complementi avverbiali di modo (grado superlativo degli avverbi graviter e acerbe)  /  statim = avverbio di tempo  /  ex urbe = ex + abl. = complemento di moto da luogo  /  sese = pronome personale rafforzato tramite il raddoppiamento  /  ad Caesarem = ad + acc. = c. di moto a luogo  /  eo tempore = ablativo di tempo determinato + attr. (eo = aggettivo determinativo da is, ea, id)  /  Ravennae = c. di stato in luogo, reso con il locativo (antico genitivo) perché nome di città  /  responsa = acc.n.pl = c. oggetto di exspectabat  /  suis lenissimis postulatis = dativo di termine (lenissimis = grado sup. dell'aggettivo lenis, lene)  /  qua equitate = ablativo di mezzo  /   res = soggetto della subordinata  /  ad otium = ad + acc. = c. di moto a luogo fig.

Copyright © 2007-2014 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski - wetrine.it © 2010-2014. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.