Giustizia e ingiustizia nelle varie forme di governo (Versione cicerone)

Giustizia e ingiustizia nelle varie forme di governo versione latino Cicerone

(Philus) sunt enim omnes, qui in populum vitae necisque potestatem habent, tyranni, sed se Iovis optimi nomine malunt reges vocari.

cum autem certi propter divitias aut genus aut aliquas opes rem publicam tenent, est factio, sed vocantur illi optimates. si vero populus plurimum potest, omniaque eius arbitrio geruntur, dicitur illa libertas, est vero licentia.

sed cum alius alium timet, et homo hominem et ordo ordinem, tum quia sibi nemo confidit, quasi pactio fit inter populum et potentis; ex quo existit id, quod Scipio laudabat, coniunctum civitatis genus;

etenim iustitiae non natura nec voluntas sed inbecillitas mater est. nam cum de tribus unum est optandum, aut facere iniuriam nec accipere, aut et facere et accipere, aut neutrum, optumum est facere, impune si possis, secundam nec facere nec pati, miserrimum digladiari semper tum faciendis tum accipiendis iniuriis.

(Filo) ... "tutti quelli che hanno diritto di vita e di morte su d'un popolo sono dunque tiranni ma essi preferiscono chiamarsi, col nome dell'ottimo Giove;

"re". Quando invece alcuni, giovandosi delle ricchezze o della nobiltà o di qualche altra forza, s'impadroniscono dello Stato, essi creano una fazione ma vogliono esser chiamati "ottimati", e se il popolo infine é il padrone di tutto e regge tutto a suo arbitrio, si chiama questa una "libertà" e non é altro che licenza.

Ma quando l'uno teme l'altro, e l'uomo l'uomo e l'ordine l'ordine, allora, non sentendosi alcuno abbastanza sicuro delle proprie forze, si fa una specie di patto tra il popolo e i potenti: e da questo origina quel genere di costituzione equilibrata che Scipione lodava.

La madre della giustizia infatti é non la natura né la volontà ma la debolezza, poiché, quando bisogna scegliere tra queste tre soluzioni: o far danno senza riceverlo o farlo e riceverlo o restar neutro, la miglior cosa é certo la prima cioè il fare impunemente il danno, e la seconda é il non farlo per non patirlo, e la cosa più misera indubbiamente é lo stare a battagliare giorno e notte per fare e ricevere ingiurie.

release check: 2020-08-24 21:50:33 - flow version _RPTC_G1.1