L'oratore deve saper commuovere traduzione e analisi) - Versione Cicerone

L'oratore deve saper commuovere versione latino
Cicerone Versione dalla sintassi al testo n. 316 pagina 456

Est dispar ratio orationis,quae mentes iudicum permovet impellitque, ut aut oderint aut diligantt aut invideant aut salvum velint aut metuant aut sperent aut cupiant aut abhorreant aut laetentur aut maereant aut misereantur aut poenire velint aut ad eos motus deducantur, si qui finitimi sunt [et de propinquis ac] talibus animi permotionibus.Atque illud optandum est oratori, ut aliquam permotionem animorum sua sponte ipsi adferant ad causam iudices ad id, quod utilitas oratoris feret, accommodatam; facilius est enim currentem, ut aiunt, incitare quam commovere languentem; sin id aut non erit aut erit obscurius, sicut medico diligenti, priusquam conetur aegro adhibere medicinam, non solum morbus eius, cui mederi volet, sed etiam consuetudo valentis et natura corporis cognoscenda est, sic equidem cum adgredior in ancipiti causa et gravi ad animos iudicum pertractandos, omni mente in ea cogitatione curaque versor, ut odorer, quam sagacissime possim, quid sentiant, quid existiment, quid exspectent, quid velint, quo deduci oratione facillime posse videantur

C'è una eloquenza diversa di orazione, che commuove le menti dei giudici e li spinge ad amare o ad odiare, o ad essere ostili o a voler salvo l'imputato, a temere o a sperare, o a provare simpatia o a detestare, o a rallegrarsi o a rattristarsi, o ad avere pietà o a punire, o a essere indotti a quei moti interiori che sono affini e vicini a questi sentimenti così tanto grandi dell'animo. E l'oratore deve scegliere ciò, in modo tale che i giudici stessi spontaneamente portino nella causa un certo sentimento, adatto a ciò che comporterà il vantaggio dell'oratore; infatti, come dicono, è più facile incitare chi corre, che scuotere chi è pigro; se invece ciò o non ci sarà o sarà assai insicuro, come un medico attento prima di sperimentare sul malato la medicina, non solo deve conoscere la malattia di colui che vuole guarire, ma anche le abitudini di quando stava bene e la natura del corpo, così certamente io, quando in una causa incerta e difficile mi accingo a trattare gli animi dei giudici, mi occupo con tutta la mente di questo pensiero e preoccupazione, per indagare più sagacemente che posso cosa pensano, cosa giudicano, cosa sperano, cosa vogliono, affinchè sembrino poter essere più facilmente indotti dal mio discorso

Analisi del periodo della versione

a Cura dei nostri tutors

Est dispar ratio orationis, // quae mentes iudicum permovet impellitque,// ut aut oderint aut diligant aut invideant aut salvum velint aut metuant aut sperent aut cupiant aut abhorreant aut laetentur aut maereant aut misereantur aut poenire velint aut ad eos motus deducantur, // si qui finitimi sunt et propinqui his ac talibus animi permotionibus. Atque illud optandum est (perifrast. passiva personale/ sogg. "illud") oratori, // ut aliquam permotionem animorum sua sponte ipsi adferant ad causam iudices ad id, //quod utilitas oratoris feret, // accommodatam; facilius est enim currentem (participio sostantivato), // ut aiunt, // incitare quam commovere languentem (participio sostantivato); sin id aut non erit aut erit obscurius,// sicut medico diligenti, // priusquam conetur aegro adhibere medicinam, non solum morbus eius, // cui mederi volet, // sed etiam consuetudo valentis et natura corporis cognoscenda est, sic equidem// cum adgredior in ancipiti causa et gravi ad animos iudicum pertractandos (finale implicita col gerundivo) , // omni mente in ea cogitatione curaque versor, // ut odorer, // quam sagacissime possim, // quid sentiant, quid existiment, quid exspectent, quid velint, quo // deduci oratione facillime posse //videantur.

Legenda :
principali
relative
completive volitive
condizionali
incidentali
temporali
finali
limitative
interrogative indirette
infinitive

Copyright © 2007-2014 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski - wetrine.it © 2010-2014. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.