ATTILIO REGOLO

VERSIONE Da Versioni latine per il biennio N. 161 PAGINA 169

Carthaginienses a Regulo duce, quem ceperant, petiverunt, ut Roman proficisceretur et pacem a Romanis obtineret ac permutationem captivorum faceret. Ille Romam cum venisset, inductus in senatum nihil quasi Romanus egit dixitque se ex illa die, qua in potestatem Afrorum venisset, Romanum esse dedisse. Itaque et uxorem a complexu removit et senati suasit, ne pax cum Poenis esset… Ipse Chartaginem rediit, offerentibusque Romanis, ut eum Romae tenerent, negavit se in ea urbe mansurum esse, in qua, postquam Afris servierat, dignitatem honesti civis habere non posset. Regressus igitur ad Africam omnibus suppliciis extinctus est.

I Cartaginesi chiesero al comandante Regolo, che essi avevano catturato, di partire per Roma e ottenere la pace dai Romani e fare uno scambio di prigionieri. Quello, dopo essere giunto a Roma, introdotto in senato, non fece quasi niente come Romano e disse che egli, da quel giorno in cui era caduto nelle mani degli Africani, aveva smesso di essere Romano. E così sciolse la moglie dal vincolo coniugale e persuase il senato, a non far la pace con i Cartaginesi… Egli stesso tornò a Cartagine, e ai Romani che intendevano trattenerlo a Roma disse che non sarebbe timasto in quella città in cui, dopo aver servito agli Africani, non poteva avere la dignità di un cittadino onesto. Dunque, tornato in Africa, fu messo a morte con ogni supplizio.

Versione da NUOVO COMPRENDERE E TRADURRE PAGINA 127

Contra Hamilcarem, Carthaginiensium ducem, in mari pugnatum victusque est. Nam perditis sexaginta quattuor navibus retro se recepit. Romani viginti duas amiserunt. Sed cum in Africam transissent, primam Clypeam, Africae civitatem, in deditionem acceperunt. Consules usque ad Carthaginem processerunt multisque castellis vastatis Manlius victor Romam rediit et viginti septem milia captivorum reduxit, Atilius Regulus in Africa remansit. Is contra Afros aciem instruxit. Contra tres Carthaginiensium duces dimicans victor fuit, decem et octo milia hostium cecidit, quinque milia cum decem et octo elephantis cepit, septuaginta quattuor civitates in fidem accepit

Lo scontro navale con Amilcare, generale dei Cartaginesi, sortì successo. (Amilcare), infatti, dopo aver subito la perdita di 64 navi, si ritirò. I Romani (invece) persero 22 navi. Passati in Africa, assoggettarono per prima Clipea, città africana. I consoli si spinsero fino a Cartagine: dopo aver raso al suolo molte fortezze, Manlio tornò a Roma, vincitore, con un seguito di 27mila prigionieri di guerra, mentre Attilio Regolo rimase in Africa. Fu lui a preparare lo scontro con gli Afri. Pur fronteggiando 3 condottieri cartaginesi, ne uscì vincitore: trucidò 8mila nemici, ne fece prigionieri 5mila, insieme a 18 elefanti; accettò la resa e la subordinazione di 74 città.

Attilio Regolo versione di latino e traduzione
dal libro LA LINGUA DEI ROMANI a pagina 190

Regulus adversus tres imperatores, Hasdrubales duos et Hamilcarem, bellum atrocissimus gessit, in quo Romani Carthaginiensium septendecim milia necaverun, ceperunt autem quinque milia cum decem et octo elephantis. Oppida tunc octoginta Romanis se dederunt. Carthaginienses bellis et cladibus fracti ad pacem inclinabant, sed Regulus duras et intolerabiles condiciones imposuit. Quare Carthaginienses magnas copias comparaverunt quibus Xanthippum ducem Lacedaemonium, praefecerunt. In memoabili pugna ingens Romanarum virium ruina et clades fuit; nam triginta milia Romanorum ceciderunt, Regulus, fortissimus dux, cum quingentis viris, captus est (fu preso) atque anno ab Urbe condida quadringentesimo nonagesimo octavo, anno belli nono, clarum triuplum Carthaginiensibus praebuit.

Regolo contro tre imperatori i due Asdrubale e Amilcare,fece una guerra atrocissima, in cui i romani uccisero 17000 cartaginesi, ne presero 5000 con diciotto elefanti. allora la città si dette ai romani. i cartaginesi abbattuti per guerre e sconfitte volgevano alla pace ma regolo impose condizioni dure e intollerabili. perciò i cartaginesi prepararono grandi milizie a cui misero a capo Santippo comandante di sparta in una memorabile battaglia; ingente fu la rovina e la sconfitta degli uomini romani. infatti morirono 30000 romani; regolo, comandante fortissimo fu preso con 500 uomini e nell'anno 498 dalla fondazione della città, nel nono anno della guerra fornì ai cartaginesi un illustre trionfo.

Attilio Regolo versione di latino da Versioni latine per il biennio pag.239 n°272

INIZIO Bello Punico primo M.Atilius Regulus FINE: qui eum crudelissime necaverunt.

Nella prima guerra Punica M.Attilio Regolo comandò l’esercito dei Romani in Africa. Ma vinto dai Cartaginesi e con grande parte dell’esercito egli stesso fu ucciso. Dopo alcuni anni i Cartaginesi mandarono gli ambasciatori, che implorassero la pace. Quando Regolo fu mandato a casa a questi con quella condizione, affinché venisse indietro dai Cartaginesi, se i Romani rifiutassero la pace. Quello poiché era stato guidato in senato, esortò i propri cittadini affinché continuassero nella guerra e conservassero i prigionieri. Pertanto i Romani, avendo accolto i consiglio di lui, non diedero la pace. Regolo invece non suscitò le suppliche dei propri, affinché rimanesse in patria. Sebbene la morte incombeva a lui, tuttavia ritornò dai Cartaginesi, che lo uccisero molto crudele.

stesso titolo da altro libro

Post haec mala Carthaginienses Regulum ducem, quem ceperant, petiverunt ut Romam proficisceretur et pacem a Romanis obtineret ac permutationem captivorum faceret. Ille Romam cum venisset, inductus in senatum, nihil quasi Romanus egit dixitque se ex illa die, qua in potestatem Afrorum venisset, Romanum esse desisse. Itaque et uxorem a complexu removit et senatui suasit ne pax cum Poenis fieret. Dixit illos, fractos tot casibus, spem nullam habere, se tanti non esse ut tot milia captivorum propter unum se, et paucos, qui ex Romanis capti fuerant, redderent. Ipse Carthaginem revertit, offerentibusque Romanis, ut eum Romae tenerent, negavit se in ea urbe mansurum, in qua, postquam Afris servierat, dignitatem honesti civis habere non posset. Regressus igitur ad Africam omnibus suppliciis extinctus est.

Dopo queste sciagure i Cartaginesi chiesero che il comandante Attilio che avevano fatto prigioniero di partire per Roma per ottenere la pace dai Romani e fare uno scambio di prigionieri. Egli essendo giunto a Roma, entrato in senato, non si era comportato quasi da romano e disse che da quel giorno in cui era venuto in potere degli Africani aveva desiderato essere Romano. Così allontanò la moglie da un abbraccio e persuase il senato che non si facesse la pace con i Cartaginesi. Disse che quelli, avviliti da tante calamità non avevano alcuna speranza, che non valesse tanto che tante migliaia di prigionieri per uno solo si restituissero, e pochi, quelli che erano stati catturati tra i Romani. Egli ritornò a Cartagine, e mentre si opponevano i Romani, affinché lo trattenessero a Roma, disse che non sarebbe rimasto in quella città, in cui, dopo che era stato schiavo degli Africani non potesse avere l’onore di un onesto cittadino. Ritornato dunque in Africa morì con ogni genere di tormenti

Copyright © 2007-2015 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski - wetrine.it © 2010-2015. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.