Aneddoti sulle mogli

Notum est Xanthippem, Socratis philosophi uxorem, admodum morosam fuisse et iurgiosam, cum irarumque et molestiarum muliebrium per diem perque noctem scateret.

È noto che Santippe, moglie del filosofo Socrate, fu molto bisbetica e litigiosa, essendo pronta a montare in collera e pedanterie femminili  giorno e  notte.

Alcibiade, discepolo di Socrate, venendo a sapere delle intemperanze della donna contro il marito, chiese a Socrate:"Perchè non cacci di casa una donna tanto cattiva?" "Perchè, disse Socrate, come la sopporto a casa mi abituo e mi esercito per sopportare assai facilmente anche la petulanza e l'offesa degli altri nelle piazze."Anche Varrone nella satira Menippea "Riguardo al dovere del marito" scrisse: "0 educate o tollerate il vizio della moglie.

Colui che educa il vizio, rende la moglie assai piacevole, colui che tollera si rende migliore". Infine,Varrone così decreta: "Tolleriamo i vizi della moglie, se non possono essere corretti e se possono essere tollerati dal marito infatti i vizi sono più futili dei misfatti."

release check: 2020-12-11 21:03:37 - flow version _RPTC_G1.1