Fatti e personaggi di Roma e della Grecia (Versione latino Gellio)

Nova Lexis, es. 7 pag. 329

Solonem accepimus, unum ex illo numero sapientium, Atheniensium leges scripsisse, Tarquinio Prisco Romae regnante, anno regni tricesimo tertio.

Abbiamo appreso che Solone, uno tra quella moltitudine di sapienti, scrisse le leggi degli Ateniesi, mentre regnava Tarquinio Prisco a Roma, nel trentatresimo anno di regno.

Mentre regnava Servio Tullio, Pisistrato fu tiranno in Atene, mentre Solone viveva in esilio per la sua libera scelta. Dopo Pitagora di Sanno Samo venne in Italia, mentre il figlio di Tarquinio regnava. In quello stesso periodo ad Atene fu ucciso da Armando e Aristogitone, Ipparco figlio di Pisistrato.

Poi duecentosessantanni dopo la fondazione della città molti scrittori tramandano che i Persiani siano stati sconfitti dagli Ateniesi nella famosa battaglia di Maratona, sotto il comando di Milziade.

Dopo Serse, re della Persia, vinto dagli Ateniesi e da tutti i Greci, sotto il comando di Temistocle, nella battaglia navale di Salamina, fu messo in fuga Un poco dopo a Roma, essendo consoli Manenio Agrippa e Marco Orazio Pulvillo, durante la guerra con Veio, sei Fabi con trecento patrizi della loro famiglia i, caduti in un imboscata, presso il fiume Cremera, furono uccisi.

release check: 2020-12-11 21:03:38 - flow version _RPTC_G1.1