Il flauto deforma le gote (Versione latino Gellio)

Il flauto deforma le gote versione latino Gellio
Da vari libri e dal libro cotidie legere

Apud veteres Romanos hominem liberum et gravitatis studiosum pudebat fidibus vel cithara vel tibiis canere, cum hoc servos et mimas decere arbitrarentur.

Apud Athenienses vero pueri usque a prima aetate tiibis canere erudiebantur, cum hoc honestissimum et liberis hominibus dignissimum videretur.

Pericles ille, cuius ingenio et liberalitate maxime Athenae nobilitatae sunt, cum apud se nepotem Alcibiadem haberet ut domi suae bonis artibus ac liberalibus disciplinis imbueretur, Antigenidam, quem Graeci praestantissimum inter musicos illius aetatis habebant, arcessivit ut puerum tibiis canere doceret.

Presso gli antichi Romani, l'uomo libero easpirante alla dignità si vergognava di suonare la cetra, il flauto o la lira, pensando che questo si addicesseai servi e alle mime.

Presso gli Ateniesi invece fin dalla tenera età i fanciulli erano istruiti a suonare il flauto, sembrando questomolto onorevolee molto degno degli uomini liberi.

Quel famoso Pericle, grazie al cui ingegno egenerosità(sono ablativi di strumento o di causa efficiente) Atene fu nobilitata moltissimo, avendo presso di sé il nipote Alcibiade affinché fosse istruito in casa suanelle buone arti enelle discipline liberali, chiamòAntigenida, che i Greciconsideravano il miglioretra i musicisti di quell'epoca, affinché insegnasse al fanciullo a suonare il flauto.

traduzione diversa dal libro cotidie legere

Presso gli antichi Romani, l'uomo libero e amante della serietà si vergognava di suonare la lira o il flauto, poiché erano ritenuti adatti ai servi e alle attrici. Presso gli Ateniesi invece i ragazzi erano educati a suonare il flauto fin dalla giovane età, perché ciò era ritenuto molto bobile e molto meritevole per gli uomini liberi. Il famoso Pericle, il cui ingegno e la massima generosità sono famose in Atene, poiché aveva presso di sè il nipote Alcibiade affinché in casa sua fosse educato alle buone maniere e ai nobili modi di vivere, fece venire Antigenida, che i Greci ritenevano il più insigne tra i musicisti di quel tempo, per insegnare al ragazzo a suonare il flauto. Si dice che quando il ragazzo awcinò il flauto alla bocca e vide nello specchio le gote gonfie, si vergognò moltissimo della deformità del suo volto. Perciò gettò a terra il flauto e lo ruppe. Quando quella notizia si diffuse, con il consenso di tutti gli Ateniesi quella disciplina fu abbandonata né qualcuno volle imparare l'arte di suonare il lauto dopo l'occasione. Leggiamo che avvennero le stesse cose nella favola di Diana. Infatti, quando nella sorgente scorse la bocca gonfiata dal flauto, la sua deformità fu così spiacevole per lei che da quel giorno non avrebbe giammai usato un flauto.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 21:59:38