La leggenda dei libri sibillini e del re Tarquinio

La leggenda dei libri sibillini e del re Tarquinio

In antiquis annalibus memoria super libris Sibyllinis haec prodita est: anus hospita atque incognita Tarquinio Superbo regi occurrit novem libros ferens.

Una vecchia straniera e sconosciuta si recò dal re Tarquinio il Superbo portando nove libri che diceva essere divini oracoli;

voleva venderli. Tarquinio chiese il prezzo. La donna domandò (una somma) troppo grande e spropositata; il re (la) derise come se la vecchia desse i numeri a causa dell’età. Allora quella apparecchia sotto i suoi occhi un braciere con del fuoco, brucia tre dei nove libri (lett.: tre libri dei nove) e chiese al re se fosse disposto a comprare i rimanenti sei al medesimo prezzo. Ma in realtà Tarquinio rise molto di più di quel fatto, e disse che la vecchia ormai senza dubbio vaneggiava.

La donna sullo stesso braciere (lett.: lì stesso) subito bruciò altri tre libri e di nuovo tranquillamente (gli) chiede proprio questo (cioè) di comprare i tre (libri) rimasti a quello stesso prezzo. Tarquinio si fa ormai serio in volto e più attento, capisce che quella fermezza e (quella) sicurezza di sé non devono essere prese alla leggere (e) compra i tre libri rimasti ad un prezzo per nulla inferiore a quello che (gli) era stato chiesto per tutti.

Ma quella donna, dopo essersi allora allontanata da Tarquinio, si seppe che in seguito non fu (mai più) vista in nessun luogo. I tre libri, riposti in un santuario, (furono) chiamati “sibillini”; i quindecenviri, quando si devono consultare nel pubblico interesse gli dèi immortali, si accostano ad essi, come ad un oracolo.

release check: 2020-12-11 21:03:37 - flow version _RPTC_G1.1