Un servo biasima Plutarco adirato

Gellio libro Compitum

Interrogavi in diatriba Taurum, an sapiens irasceretur.

Chiesi durante una discussione a Tauro se il saggio può adirarsi;

egli concedeva infatti sovente, dopo le quotidiane lezioni, che lo si interrogasse su qualsiasi argomento. In tale occasione, Tauro, dopo aver fatto una lunga e sapiente dissertazione sulla malattia o passione dell'ira, esponendo ciò che se ne dice nei libri dei più antichi scrittori e nei suoi stessi commentari, si rivolse a me, che l'avevo interrogato, dicendo: "Questo è cio che io penso dell'adirarsi;

ma ritengo non sia inutile che voi conosciate che cosa ne pensi il nostro Plutarco, uomo tanto dotto e saggio. Plutarco una volta ordinò che un proprio schiavo, cattivo e insolente, ma che attraverso i libri e le discussioni s'era imbevuto di filosofia, per non so quale mancanza commessa, fosse spogliato della tunica e fustigato.

Si cominciò a fustigarlo, e quello protestava di non meritare di essere battuto, non avendo fatto nulla di male, nulla di punibile. Infine cominciò ad alzare la voce fra le battiture, non emettendo lamenti o gemiti o grida, ma espressioni severe di biasimo: Plutarco non si comportava come si addiceva a un filosofo; l'adirarsi era cosa vergognosa.

release check: 2020-12-11 21:03:20 - flow version _RPTC_G1.1