Diogene durante l'assedio di Corinto - Versione di greco

Diogene durante l'assedio di Corinto
versione greco traduzione

Ὁπότε ὁ Φίλιππος ἐλέγετο ἤδη ἐπελαύνειν, οἱ Κορίνθιοι πάντες ἐταράττοντο καὶ ἐν ἔργῳ ἦσαν, ὁ μὲν ὅπλα ἐπισκευάζων, ὁ δὲ λίθους παραφέρων, ὁ δὲ ὑποικοδομῶν τοῦ τείχους, ὁ δὲ ἔπαλξιν ὑποστηρίζων, ὁ δὲ ἄλλος ἄλλο τι τῶν χρησίμων ὑπουργῶν Ὁ δὴ Διογένης ὁρῶν ταῦτα, ἐπεὶ μηδὲν ὅτι καὶ πράττοι εἶχεν (οὐδεὶς γὰρ αὐτῷ εἰς οὐδὲν ἐχρῆτο), σπουδῇ μάλα καὶ αὐτὸς ἐκύλιε τὸν πίθον, ἐν ᾧ ἐτύγχανεν οικῶν, ἄνω καὶ κάτω τοῦ Κρανείου.

Καὶ τινος τῶν συνήθων ἐρομένου· 'Τὶ ταῦτα ποιεῖς, ὦ Διόγενες; ', 'Κυλίω' ἔλεγε 'κἀγὼ τὸν πίθον, ὡς μὴ μόνος ἀργεῖν δοκοίην ἐν τοσύτοις ἐργαζομένοις'.

Quando si diceva che Filippo fosse oramai vicino, tutti i Corinzi si agitarono e si misero al lavoro, preparando le armi o portando delle pietre, chi rinforzando il muro, o chi rafforzando i bastioni, o chiaiutandosi a vicenda.

Diogene allora vedendo queste cose, poiché nn aveva nulla da fare faceva rotolare la botte nessuno, difatti, si rivolgeva a lui per alcunchè), nella quale aveva la casa su e giù per il Craneio.

E poiché qualche amico gli chiese: "Diogene perché fai questo" disse "Faccio rotolare anch'io la botte, perché non sembri in tutto questo lavorare che io solo non faccia nulla"

Traduzione di altro utente da ellenisti n. 1

Mentre Filippo già marciava contro Corinto, tutti i Corinzi erano sconvolti ed erano all'opera: l'uno preparava le armi, l'altro trasportava le pietre, un altro ancora faceva cose utili. Diogene vedeva le fatiche dei cittadini e, poiché (non) faceva niente, rotolava una botte, che era la sua casa, accanto alla vicina palestra di Corinto. Un uomo vede il filosofo e dice: "Che cosa vuoi fare, o Diogene?" Il filosofo risponde: "Rotolo anche io una botte: infatti non voglio essere il solo dei cittadini in (a) riposo".

Da Ellenisti (n. 2) Traduzione ancora altro utente da ellenisti

Quando filippo marciava verso Corinto tutti i corinzi si agitavano e erano a lavoro: uno preparava le armi, un altro portava le pietre un altro ancora faceva cose utili. Diogene vedeva la fatica degli uomini e poiché non faceva niente, faceva rotolare una botte, che aveva la sua casa presso il ginnasio vicino a Corinto. L'uomo vede il filosofo e dice: 2che cosa consigli di fare, o DIogene? Faccio rotolare-risponde il filosofo- anche io la botte: infatti non voglio rimanere inerte nella pigrizia degli uomini. "

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-09-11 07:04:46