Il ritrovamento di Dafni - versione greco Greco terza edizione

IL RITROVAMENTO DI DAFNI
VERSIONE DI GRECO

TRADUZIONE dal libro Greco terza edizione
pagina 211 numero 100

 

TRADUZIONE

Un capraio, di nome Lamone, pascolando in questo campo, trovò un bambino allattato da una delle capre. C’era un bosco dove si diffondevano sia l’edera che i cespugli di rovi che l’erba morbida, tra la quale giaceva il bambino. Lì la capra correva di continuo e diventava spesso invisibile e abbandonato ilo capretto stava vicino all’infante. Lamone osservava i misteriosi movimenti trascurando il capretto, andò per il sentiero in pieno mezzogiorno e vide la capra andare intorno con cautela, temendo di fargli del male tagliò gli zoccoli, come se dal seno materno ci fosse una ferita dal flusso di latte. Stupito, come se fosse opportuno, si avvicina e trova il ragazzo, grande e bello e con una pubblicazione della buona sorte tra le fasce più grandi; e infatti c’era una mantellina color porpora, una spilla d’oro e un pugnale dall’impugnatura d’avorio.

Copyright © 2007-2014 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski - wetrine.it © 2010-2014. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.