Maturità 2008 Versione di greco - Un codice etico per lo storico Luciano

Seconda prova Maturità 2008 - versione di greco
Codice etico per lo storico versione di greco e traduzione

Τοιοοτος ουν μοι ό συγγραφέας ίστω, άφοβος, αδέκαστος, ελεύθερος, παρρησίας καί αληθείας φίλος, ως ό κωμικός φησι, τα σοκα σοκα, την σκαφην δε σκαφην όνομασων, ου μισεί ουδέ φιλία τι νεμων ουδέ φειδομενος η ελεών η αΐσχυνομενος η δυσωπούμενος, ϊσος δικαστής, έθνους απασιν άχρι τοο μη θατερφ άπονείμαι πλειον τοο δέοντος, ξένος εν τοις 8ι8λίοΐ€ καί δπτολίίΐ. αύτονοι^. άβασίλευτο. ου τί τωδε π τώδε *** δο?ει λονιίουενο<: . άλλα τίπεπρακται λέγων. Ό δ' ουν Θουκυδίδης ευ μαλα τοοτ' «νομοθέτησε καί διεκρινεν άρετήν καί κακίαν συγγραφικήν, ορών μάλιστα θαυμαζομενον τον Ήροδοτον, άχρι του καί Μοοσας κληθήναι αύτοο τα βιβλία κτήμα γαρ φησι μάλλον ες άει συγγραφειν ηπερ ες το παρόν αγώνισμα, καί μη το μυθώδες άσπαζεσθαι, άλλα την άλήθειαν των γεγενημενων άπολείπειν τοις ύστερον. Καί επάγει το χρήσιμον καί δ τέλος α" ν τις ευ φρονών ύποθοιτο ιστορίας, ως ει ποτέ και αύθις τα όμοια καταλαβοι, έχοιεν, φησι, προς τα προγεγραμμενα αποβλέποντες ευ χρήσθαι τοις εν ποσι.

Dunque per me lo storico deve essere come questo: senza paura, non corruttibile, libero, amico della verità e della parola schietta, uno che -come diceva quel comico- dice pane al pane e vino al vino, (questa traduzione era fornita dal vocabolario rocci ma andava anche bene: "pane al pane, nave a nave" oppure "pane al pane vaso al vaso" ) uno che mai per amicizia o per odio è indotto a concedere o negare, a commiserare o vergognarsi o disprezzare; giudice imparziale, benevolo con tutti mai fino al punto di concedere ad una parte più di quanto meriti, (uno) che non ha patria quando scrive né città, né re; uno che non sta a domandarsi cosa penserà il tale o il tal'altro, *** ma racconta quello che è (effettivamente) accaduto. Fu (proprio) Tucidide a legiferare tutto questo, fu lui che se parò virtù e vizio nella storiografia, vedendo che Erodoto era ammirato a tal punto che i suoi libri addirittura erano chiamati "muse". Dice infatti di scrivere qualcosa che resti per sempre anziché per( la gara) la supremazia del momento; dice di non apprezzare l'elemento (favoloso) leggendario ma di lasciare ai posteri un racconto vero di quel che effettivamente accade. E introduce la considerazione dell'utile, di ciò che qualunque uomo con un senno può indicare come fine dell'opera storica: cioè che come dice se si ripresentassero situazioni analoghi si potrà beneficiare del racconto storico proprio nell'azione del momento. "

π τώδε *** il brano fornito agli studenti mancava di questo pezzo.

Copyright © 2007-2016 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2016 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.