Le solite promesse elettorali

Marcus, iuvenis magnae ambitionis singularisque eloquentiae, tribunatum petit.

Marco, giovane di grande ambizione e straordinaria eloquenza si candida alla dignità e all'ufficio di tribuno della plebe.

Per questo, vestito di una toga bianca, va verso il foro, sale sulla tribuna e così parla in questo modo al popolo a proposito delle sue intenzioni: "Oh cittadini, se sarò nominato  tribuno dalla plebe, e mi darete la vostra fiducia, io difenderò sempre i vostri diritti contro l'arroganza dei patrizi: i nobili infatti opprimono spesso i plebei, ma sotto la mia protezione, voi vivrete sicuri e tranquilli.

Se voi amate le vostre mogli e i vostri figli, se  venerate gli dei e le dee di Roma, se volete la libertà, la pace e la concordia, se rispettate la giustizia e l'onestà, se disprezzate le cose disoneste, e da ultimo desiderate  conservare i vostri beni, quando metterete il vostro voto nell'urna, rammentatevi soltanto questo: io sarò sempre con voi, vi aiuterò, e mi opporrò sempre alle leggi che possono nuocere al popolo.

Dovere del tribuno è infatti difendere i diritti della plebe e sempre lo sarà". Nella città  e persino tra patrizi e plebei risplenderà la concordia. Voi cosa dite? Se Marco sarà nominato tribuno, manterrà le sue promesse? 
(by Vogue)

TESTO LATINO COMPLETO

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-09-14 21:23:14 - flow version _RPTC_G1.1