Orazio Coclite salva Roma - VERSIONE LITTERA LITTERAE e traduzione

Orazio Coclite salva Roma
versione di latino di Valerio Massimo traduzione dal libro Littera litterae 1a numero 3 pagina 114

Qui trovi la versione diversa dal libro coso di lingua latina

Etruscis in urbem ponte Sublicio irrumpentibus, Horatius Cocles extremam eius partem occupavit totumque hostium agmen, donec post tergum suum pons abrumperetur, infaticabili pugna sustinuit atque, ut patriam periculo imminenti liberatam vidit, armatus se in Tiberim misit. Cuius fortitudinis dii immortales admirati, incolumitatem sinceram ei praestiterunt: nam, neque altitudine deiectus quassatus, nec pondere armorum pressus, nec ullo verticis circuitu actus, ne telis quidem, quae undique congerebantur, laesus, tutam natationem habuit. Unus itaque tot civium, tot hostium in se oculos convertit, illos stupentes admiratione, hos inter laetitiam et metum haesitantes, unusque duos acerrima pugna consertos exercitus, alterum repellendo, alterum propugnando distraxit. Denique unus urbi nostrae munimento fuit. Quapropter discedentes Etrusci dicere potuerunt: Romanos vicimus, ab Horatio victi sumus.

 

Quando gli Etruschi irruppero nella città attraverso il ponte Sublicio,Orazio Coclite prese la sua estremità e fece fronte all'intero esercito dei nemici con un combattimento infaticabile, nell'attesa che il ponte venisse interrotto alle sue spalle, e, quando vide la patria libera dall'imminente pericolo, si gettò armato nel Tevere. Gli dei immortali, avendo ammirato il suo coraggio, gli assicurarono la totale salvezza: infatti nè scosso dall'altezza della caduta, nè travolto dal peso delle armi, nè portato via da alcun vortice della corrente, e neanche colpito dai dardi che venivano lanciati da ogni parte, ebbe l'esito sicuro di galleggiare. Uno solo dunque tra tanti cittadini rivolse su di sè gli occhi di tanti nemici, quelli (gli occhi) pieni di meraviglia, questi (gli occhi) esitanti tra la gioia e la paura, e uno solo tenne separati due eserciti impegnati in una violentissima battaglia, respingendo il primo e difendendo l'altro. Infine uno solo apportò alla nostra città con il suo scudo tanta difesa così grande (una così grande difesa) quanto il Tevere col suo letto. Perciò gli Etruschi mentre si allontanavano poterono dire: abbiamo battuto i Romani, ma siamo stati vinti da Orazio.

Copyright © 2007-2014 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski - wetrine.it © 2010-2014. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.