Euripide e il fallimento della spedizione in Sicilia

Των Αθηναιων οι μεν πλειστοι διεφθαρησαν εν ταις λατομιαις υπο νοσου και διαιτης πονηρας εις ημεραν εκαστην κοτυλας δυο κριθΘων λαμβανοντες και μιαν υδατος, ουκ ολιγοι δ'επραθησαν.

Και τουτους ως οικετας επωλουν στιζοντες ιππον εις το μετωπον · αλλ'ησαν και οι τουτο προς τω δουλευειν υπομενοντες. Εβοηθει δε τουτοις η τ'αιδως και το κοσμιον· η γαρ ηλευθερουντο ταχεως η τιμωμενοι παρεμενον τοις κεκτημενοις.

Ενιοι δε και δι Ευριπιδην εσωθησαν. Μαλιστα γαρ, ως εοικε, των Ελληνων οι περι Σικελιαν εποθησαν αυτου την μουσαν. Λεγουσι δε οτι των σωθεντων Αθηναιων ενιοι μεν δουλευοντες αφειθεσαν εκδιδαξαντες οσα των εκεινου ποιηματων εμεμνηντο, αλλοι δε πλανωμενοι μετα την μαχην τροφης και υδατος μετελαβον τα μελη του ποιητου ασαντες.

Φασι δε και πολλυς οικαδε ελθοντας ασπασαθΘαι τον Ευριπιδην φιλοφρονως και διεγεισθαι το γεγονος.

Perì nelle latomie di malattia e per il vitto scadente la maggioranza fra gli ateniesi, dal momento che ogni giorno ricevevano (solo) due tazze d'orzo ed una sola (tazza) d'acqua, e furono venduti non pochi (sott. fra loro). E li vendevano come schiavi marchiando un cavallo sulla fronte: sì, c'era anche chi tollerava questo, oltre all'essere (divenuto) uno schiavo. Li aiutava però il senso del pudore e del decoro: venivano infatti o presto liberati, o, essendo tenuti in grande considerazione, restavano presso coloro che li aveva acquistati.

Poi alcuni si salvarono anche per Euripide. A quanto pare, infatti, soprattutto quelli tra i Greci intorno alla Sicilia erano particolarmente sensibili alla sua musa. Dicono che allora appunto alcuni degli Ateniesi sopravvissuti erano stati liberati dalla schiavitù dopo avere insegnato quante cose ricordavano a memoria delle sue poesie, altri, invece, che, mentre erravano dopo la battaglia, avevano ricevuto cibo ed acqua dopo aver intonato i canti del poeta.

Dicono, poi, che molti, una volta tornati in patria, salutarono Euripide con affetto e (gli) narrarono l'accaduto.

Copyright © 2007-2018 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2018 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2018-09-02 14:14:04