La libertà anzitutto - versione greco Plutarco da Gymnasion

LA LIBERTA' ANZITUTTO
VERSIONE DI GRECO di Plutarco
TRADUZIONE dal libro Gymnasion
TRADUZIONE

Gli spartani Bulis e Sperchis, recatisi come volontari da Serse, re dei Persiani, per (subire) un castigo - di cui Sparta era debitrice (nei confronti dei Persiani) in base ad un oracolo -, presentatisi al cospetto di Serse, lo esortarono a sacrificarli nel modo che preferiva in nome degli Spartani.

Ma poiché quello (= il re), pieno di ammirazione, li liberò e (li) giudicò degni di rimanere presso di lui, essi risposero: "E come potremmo vivere qui, dopo aver lasciato una patria e delle leggi e degli uomini tali che per essi abbiamo affrontato un viaggio così lungo per (venire a) morire?".

E dal momento che il comandante Indarne li pregava (ancora) più insistentemente, e prometteva loro che avrebbero ottenuto i medesimi onori degli amici del re più altolocati, risposero: "Ci sembra che tu ignori quanto grande sia il (valore) della libertà, alla quale una persona sana di mente non potrebbe preferire (neppure) l'impero dei Persiani. "

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-10-23 14:30:02