La testa di Crasso - versione greco Plutarco Triakonta

LA TESTA DI CRASSO
VERSIONE DI GRECO di Plutarco
TRADUZIONE dal libro Triakonta

Τῆς δὲ κεφαλῆς τοῦ Κράσσου κομισθείσης ἐπὶ θύρας, ἀπηρμέναι μὲν ἦσαν αἱ τράπεζαι, τραγῳδιῶν δ' ὑποκριτὴς Ἰάσων ὄνομα Τραλλιανὸς ᾖδεν Εὐριπίδου Βακχῶν τὰ περὶ τὴν Ἀγαύην.

εὐδοκιμοῦντος δ' αὐτοῦ, Σιλάκης ἐπιστὰς τῷ ἀνδρῶνι καὶ προσκυνήσας, προὔβαλεν εἰς μέσον τοῦ Κράσσου τὴν κεφαλήν. Κρότον δὲ τῶν Πάρθων μετὰ χαρᾶς καὶ κραυγῆς ἀραμένων, τὸν μὲν Σιλάκην κατέκλιναν οἱ ὑπηρέται βασιλέως κελεύσαντος, ὁ δ' Ἰάσων τὰ μὲν τοῦ Πενθέως σκευοποιήματα παρέδωκέ τινι τῶν χορευτῶν, τῆς δὲ τοῦ Κράσσου κεφαλῆς λαβόμενος καὶ ἀναβακχεύσας ἐπέραινεν ἐκεῖνα τὰ μέλη μετ'ἐνθουσιασμοῦ καὶ ᾠδῆς "φέρομεν ἐξ ὄρεος ἕλικα νεότομον ἐπὶ μέλαθρα, μακάριον θήραμα". Καὶ ταῦτα μὲν πάντας ἔτερπεν· ᾀδομένων δὲ τῶν ἑξῆς ἀμοιβαίων πρὸς τὸν χορόν ἀναπηδήσας ὁ Ἐξάθρης – ἐτύγχανε γὰρ δειπνῶν – ἀντελαμβάνετο τῆς κεφαλῆς, ὡς αὐτῷ λέγειν ταῦτα μᾶλλον ἢ ἐκείνῳ προσῆκον.

Ἡσθεὶς δ' ὁ βασιλεὺς τὸν μὲν οἷς πάτριόν ἐστιν ἐδωρήσατο, τῷ δ' Ἰάσονι τάλαντον ἔδωκεν. Εἰς τοιοῦτόν φασιν ἐξόδιον τὴν Κράσσου στρατηγίαν ὥσπερ τραγῳδίαν τελευτῆσαι.

TRADUZIONE

Quando la testa di Crasso fu portata alle porte le mense non erano ancora state tolte ed un attore rappresentante di tragedie di nome Giàsone, della città di Tralli, stava cantando la (scena) di Agave dalle [delle] Baccanti di Euripide.

Siccome riceveva molti apprezzamenti, Silace, entrato nella sala del banchetto e dopo essersi genuflesso (di fronte al re), gettò in mezzo (alla stanza?) la testa di Crasso. Poiché i Parti applaudirono con grida di gioia [gioia e urlo, endìadi], i servitori fecero sedere [sdraiare] Silace per ordine del re, mentre Giàsone consegnò ad uno dei coreuti il costume di Pènteo, ed afferrata la testa di Crasso e mettendosi a danzare come una baccante eseguiva con un canto frenetico [con invasamento e canto, endìadi] quella parte lirica (che dice) "portiamo dal monte alla reggia l'edera appena tagliata, una caccia fortunata", e questo divertiva tutti;

ma mentre veniva cantato l'amebeo con il coro che segue, Exatre saltato su - infatti si trovava a banchetto afferrò [-ava] la testa al suo posto (ἀντ-ελαμβάνετο) affermando che pronunciare quelle parole si addiceva più a lui che a quello.

Il re, compiaciuto, donò a lui i doni consueti [(ciò) che (presso i Parti) è consuetudine (donare)], mentre a Giasone diede un talento. Con [verso] una simile farsa finale dicono che sia finita la spedizione di Crasso, proprio come una tragedia

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-10-23 14:29:42