Morte della moglie di Dario

Τῆς Δαρείου γυναικὸς ἀποθανούσης ἐν ὠδῖσι, καὶ φανερὸς ἦν ἀνιώμενος ὡς ἐπίδειξιν οὐ μικρὰν ἀφῃρημένος χρηστότητος.

ἔθαψεν οὖν τὴν ἄνθρωπον οὐδεμιᾶς πολυτελείας φειδόμενος. τῶν δὲ θαλαμηπόλων τις εὐνούχων, οἳ συνεαλώκεισαν ταῖς γυναιξίν, ἀποδρὰς ἐκ τοῦ στρατοπέδου καὶ πρὸς Δαρεῖον ἀφιππασάμενος, Τίρεως ὄνομα, φράζει τὸν θάνατον αὐτῷ τῆς γυναικός. ὡς δὲ πληξάμενος τὴν κεφαλὴν καὶ ἀνακλαύσας "φεῦ τοῦ Περσῶν" ἔφη "δαίμονος, εἰ δεῖ τὴν βασιλέως γυναῖκα καὶ ἀδελφὴν οὐ μόνον αἰχμάλωτον γενέσθαι ζῶσαν, ἀλλὰ καὶ τελευτήσασαν ἄμοιρον κεῖσθαι ταφῆς βασιλικῆς," ὑπολαβὼν ὁ θαλαμηπόλος "ἀλλὰ ταφῆς γε χάριν" εἶπεν "ὦ βασιλεῦ καὶ τιμῆς ἁπάσης καὶ τοῦ πρέποντος οὐδὲν ἔχεις αἰτιάσασθαι τὸν πονηρὸν δαίμονα Περσῶν.

οὔτε γὰρ ζώσῃ τῇ δεσποίνῃ Στατείρᾳ καὶ μητρὶ σῇ καὶ τέκνοις οὐδὲν ἐνέδει τῶν πρόσθεν ἀγαθῶν καὶ καλῶν ἢ τὸ σὸν ὁρᾶν φῶς, ὃ πάλιν ἀναλάμψειε λαμπρὸν ὁ κύριος Ὠρομάσδης, οὔτ’ ἀποθανοῦσα κόσμου τινὸς ἄμοιρος γέγονεν, ἀλλὰ καὶ πολεμίων τετίμηται δάκρυσιν.

οὕτω γάρ ἐστι χρηστὸς κρατήσας Ἀλέξανδρος ὡς δεινὸς μαχόμενος". ταῦτ’ ἀκούσαντα Δαρεῖον ἡ ταραχὴ καὶ τὸ πάθος ἐξέφερε πρὸς ὑποψίας ἀτόπους, καὶ τὸν εὐνοῦχον ἐνδοτέρω τῆς σκηνῆς ἀπαγαγών, "εἰ μὴ καὶ σὺ μετὰ τῆς Περσῶν" ἔφη "τύχης μακεδονίζεις, ἀλλ’ ἔτι σοι δεσπότης ἐγὼ Δαρεῖος, εἰπέ μοι σεβόμενος Μίθρου τε φῶς μέγα καὶ δεξιὰν βασίλειον, ἆρα μὴ τὰ μικρότατα τῶν Στατείρας κλαίω κακῶν, οἰκτρότερα δὲ ζώσης ἐπάσχομεν, καὶ μᾶλλον ἂν κατ’ ἀξίαν ἐδυστυχοῦμεν ὠμῷ καὶ σκυθρωπῷ περιπεσόντες ἐχθρῷ;

Morta la moglie di Dario durante il parto lui chiaramente era dispiaciuto di aver perso un'occasione così opportuna per dimostrare la sua magnanimità. Dunque la seppellì  con uno sfarzo come nessun uomo mai (prima). Uno degli eunuchi fra quelli che servivano nel talamo, di nome Tireo,che era stato fatto prigioniero con le donne, , dopo esser fuggito dall'accampamento ed essendo andato da Dario gli riferisce la morte della donna. Il re si battè il capo e ad alta voce gridò: «Ahimè, ben triste è il destino dei Persiani se la moglie e sorella del re non solo è stata prigioniera in vita, ma ora che è morta giace priva di una sepoltura regale!».«Quanto a questo», ribattè l'eunuco, «come per tutti gli onori a lei dovuti, non devi accusare minimamente il destino dei Persiani, infatti alla mia signora Statira, finché era in vita, a tua madre e ai tuoi figli, non mancò nessuno di quei beni di cui godeva prima se non la luce della visione della tua persona, che il signore Oromasde farà brillare di nuova luce, ne dopo che è morta ella è priva di onore, ma è stata onorata anche dal pianto dei nemici.

Tanto è nobile Alessandro vittorioso, quanto è tremendo quando combatte. Turbamento e dolore all'udire ciò portarono Dario a concepire assurdi sospetti, fece venire il cortigiano all'interno della tenda e disse "Se non sei anche tu autore dei Macedoni, come lo è ora la fortuna dei persiani e se io Dario sono ancora il tuo signore, dimmi venerando la gran luce di Mitra e la destra del re piango io forse i mali minori di Stateira e ho forse patito di peggio quando era viva?

Copyright © 2007-2018 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2018 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2018-11-07 15:30:18