L'eccezionale memoria di Varrone - versione latino Sant' Agostino comprendere e tradurre

L'eccezionale memoria di Varrone
versione di latino di sant'agostino
traduzione dal libro IL NUOVO COMPRENDERE E TRADURRE
VERSIONE numero 298 pagina 251
Terentius Varro, doctissimus omnium Romanorum...(inizio)
et ab eo de omnibus rebus optime admonebantur (fine)

Terenzio Varrone il più dotto di tutti i Romani, che non solo i coetanei di Cicerone, ma anche coloro che lo precedettero di poco per età potevano ricordare, visse quasi 100 anni, essendo nato nel 117 a.

C. a Rieti, città dei Sabini, ed essendo morto nel 717 anno della fondazione di Roma. Dapprima crebbe a Roma alla scuola di Elio Stilone, poi fu auditore di Antioco ad Atene e da ambedue ricevette non tesori di ricchezze ma di erudizione di cui non si scordò mai.

Per la ricchezza di quell’erudizione fu di grande autorevolezza presso tutti e lo stesso Pompeo, che fu chiamato Magno, lo stimò tanto da colmarlo di grandissimi benefici.

Quando era molto vecchio aveva una memoria validissima e ricordava le leggi, le usanze, le istituzioni di quelle popolazioni che aveva visitato; perciò accorrevano ad interrogarlo tutti coloro che volevano essere informati sui costumi e le istituzioni di popolazioni molto diverse e da lui erano informati benissimo su tutto.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 22:01:30