Gli spettacoli che Augusto offrì al popolo romano (Versione Littera e Lexis)

Gli spettacoli che Augusto offrì al popolo romano
Versione di latino di augusto traduzione dai libri:
( Littera Litterae 2d n. 4) /( Nova Lexis Mod. E-H n. 2 pg. 229)

Ter munus gladiatorium dedi meo nomine et quinquiens filiorum meorum aut nepotum nomine, quibus muneribus depugnaverunt hominum circiter decem millia.

Tre volte ho fornito spettacoli di gladiatori sotto il mio nome (in pratica, quando ero imperatore) e cinque volte sotto il nome dei miei figli e nipoti;

in questi spettacoli circa 10mila uomini combattevano. Due volte ho allestito sotto al mio nome spettacoli di atleti radunati da ogni luogo, e tre volte sotto il nome di mio nipote. Ventisei volte, sotto al mio nome o (sotto il nome) dei miei figli e nipoti, ho dato al popolo delle battute di caccia di bestie Africane nel Circo, all'aperto, o nell'anfiteatro, nelle quali furono uccise circa 3500 bestie.

Ho dato al popolo uno spettacolo di battaglia navale, nella zona al di là del Tevere dove è ora il boschetto (o anche "frutteto") dei Cesari, con il terreno scavato in lunghezza per 1800 piedi e in larghezza per 1200 (piedi), nel quale 30 navi munite di rostro, biremi e triremi, ma anche molte (navi) più piccole, si combatterono l'un l'altra;

in queste navi circa 3000 uomini combatterono oltre ai rematori.

release check: 2020-12-11 22:24:28 - flow version _RPTC_G1.1