Carme 58 - Carmina LVIII - Catullo

Carme LVIII

Caeli, Lesbia nostra, Lesbia illa.

O Celio, la mia Lesbia, Lesbia quella,
quella Lesbia, la sola che Catullo
amò più di se stesso e di tutti i suoi,
ora negli incroci e nei vicoli
spoglia i discendenti del magnanimo Reno.

release check: 2020-12-11 22:20:52 - flow version _RPTC_G1.1