Modo di comporre di Virgilio

Cum Georgica scriberet, traditur Vergilius mane plurimos versus dictare solitus... tibicinibus interponi ad sustinendum opus, donec solidae columnae advenirent

Mentre scriveva le Georgiche, si tramanda che Virgilio ogni giorno dopo che meditava di mattina era solito dettare moltissimi versi ritoccandoli anche (ac) per tutto il giorno per ricavarne pochissimi, dicendo non fuori luogo che egli partoriva la poesia (parere carmen) come fa l’orsa (more ursae, secondo l’abitudine dell’orsa), e che alla fine le dava forma (alla poesia) leccandola*.

Si dedicò a comporre a brano a brano l’Eneide, composta in prosa prima in forma di discorso e divisa in dodici libri, a seconda che gli piacesse qualcosa e non mettendo nulla in ordine.

E, affinché qualche cosa non ne frenasse l’impeto, trascurò qualche cosa imperfetta, rafforzò altre con armoniosi versi, che (quae) diceva, per scherzo, essere staccate a favore dei flautisti [per favorire i flautisti], per agevolarne l’opera, finchè risultassero delle colonne intere.

Testo latino completo

* trattasi di una similitudine: come l’orsa partorisce gli orsacchiotti informi e poi li modella leccandoli, così Virgilio diceva che faceva lui con i suoi versi, “partorendoli” di getto e poi “limandoli” fino a dare ad essa una forma

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 22:01:58