Il breve regno di Pirro in Sicilia

Eo tempore et Pyrrus adversus Romanos bellum gerebat, qui inploratus a Sicilia in auxilium, sicuti dictum est, cum Syracusas venisset, rex Siciliae sicut Epiri appellatur.

Post haec multa secunda proelia cum Karthaginiensibus facit. Interiecto deinde tempore legati ab Italicis sociis venere nuntiantes, resisti Romanis non posse deditionemque futuram, nisi subveniat. Anxius tam ambiguo periculo incertusque quid ageret vel quibus primum subveniret, in utrumque pronus consultabat;

quippe instantibus hinc Karthaginiensibus, inde Romanis pericolosum videbatur exercitum in Italiam non traicere, periculosius a Sicilia deducere, ne aut illi non lata ope aut hi deserti amitterentur.

In hoc aestu periculorum tutissimus portus consiliorum visus est omnibus viribus decernere in Sicilia et profligatis Karthaginiensibus victorem exercitum transponere in Italiam. Itaque conserto proelio cum superior fuisset, quoniam tamen a Sicilia abiret pro victo fugere visus est; ac propterea socii ab eo defecerunt et imperium Siciliae tam cito amisit, quam facile quaesierat

In quel tempo anche Pirro conduceva una guerra contro i Romani il quale (che) implorato dalla Sicilia in aiuto, come si è detto, essendo arrivato a Siracusa fu denominato re della Sicilia e dell'Epiro.

Dopo queste cose sostiene molte battaglie fortunate con i Cartaginesi. Poi, passato del tempo, sopraggiunsero i legati (mandati) dagli alleati italici che annunciavano che non potevano resistere ai romani e che ci sarebbe stata una resa futura, se (lui) non fosse arrivato (in loro soccorso). Angosciato da tanto ambiguo pericolo e incerto su cosa fare ossia a quali andare (in soccorso) prima, rifletteva propenso verso entrambi.

Poiché da una parte incalzavano i Cartaginesi, dall'altra i Romani, sembrava che ci fosse il rischio di non trasferire in Italia l'esercito, e ancora più rischioso allontanarlo dalla Sicilia, col timore che fossero persi quelli, senza che fosse stato portato aiuto, o che fossero persi questi, perché abbandonati.

In questa penosa incertezza dei pericoli il porto più sicuro fra i consigli gli parve battersi con tutte le forze in Sicilia e, sconfitti i Cartaginesi, trasportare l'esercito in Italia. E così combattuta la battaglia dopo essere stato il vincitore dato che tuttavia andava via dalla Sicilia parve dileguarsi come uno sconfitto. Quindi gli alleati per questo si separarono da lui e perse il dominio sulla Sicilia tanto celermente quanto facilmente l'aveva ottenuto.

release check: 2020-07-13 23:16:08 - flow version _EXTP_H1