La Calabria e la Lucania nell'antichità (Versione latino Giustino)

La Calabria e la Lucania nell'antichità

Agathocles Syracusarum tyrannus pacificatus cum Carthaginiensibus, in Italiam transcendit, exemplum Dionysii Syracusani secutus, qui multas civitates subegerat.

Primum hostes ei fuere Bruttii, qui et fortissimi tum et opulentissimi videbantur, simul et ad iniurias vicinorum prompti. Nam multas civitates Graeci nominis ex Italia expulerant, auctores quoque suos Lucanos bello vicerant et pacem cum iis aequis condicionibus fecerant.

Lucani iisdem legibus liberos suos, quibus et Spartani, instituere soliti erant. Nam ab initio pubertatis in silvis inter pastores habebantur, sine misterio servili, sine veste quam induerent vel cui incumberent (sdraiarsi per riposare) ut a primis annis duritiae parsimoniaeque, sine ullo usu urbis, adsuescerent.

Cibus eis praeda venatica, potus aut lactis aut fontium liquor erat. [...] Primum Bruttiis cum Lucanis, originis suae auctoribus, bellum fuit; deinde, victoria erecti, cum pacem aequo iure fecissent, ceteros finitimos armis subegerunt, tantasque opes brevi consecuti sunt ut perniciosi omnibus civitatibus finitimis haberentur.

Agatocle, tiranno si Siracusa, trattata la pace con i Cartaginesi, scese in Italia, seguendo un esempio di Dioniso Siracusano, il quale aveva sottomesso molte città. Prima i suoi nemici furono i Bruzii, che sembravano fortissimi e potentissimi nello stesso tempo e pronti alle offese dei vicini. Infatti avevano espulso dall'Italia molte popolazioni di nome greco e avevano vinto i Lucani con la battaglia anche i loro progenitori e avevano fatto pace con questi con eque condizioni. I Lucani erano soliti educare i loro figli con le stesse leggi con le quali anche gli Spartani erano soliti educare.

Infatti dall'inizio dell'adolescenza erano mandati nelle foreste tra i pastori, senza l'aiuto servile, senza veste da indossare o sulla quale sdraiarsi per riposare, affinché dai primi anni si abituassero alla durezza e alla parsimonia, senza alcuna consuetudine della città.

La preda da caccia era a loro cibo, o latte o acqua della sorgente era a loro bevanda. Prima ai Bruzii la guerra fu con i Lucani, autori della loro origine; in seguito, confortati dalla vittoria, avendo fatto pace con un equo diritto, sottomisero con le armi i restanti popoli confinanti e ottennero tante ricchezze in breve tempo da essere considerati pericolosi da tutte le popolazioni confinanti.

Copyright © 2007-2018 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2018 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2018-11-07 15:27:49