Il sacrificio di Orazio Coclite

Gymnasion numero 135

Inizio: Ωρατιον γαρ λεγεται τον font-family: georgia, palatino; text-align: justify;">Κοκλην επικληθεντα, διαγωνιζομενον προς δυο των υπεναντιων...e finisce con ...

Fine: της παραουσης ζωης και του καταλειπομενου βιου.

Si racconta che Orazio detto Coclite, combattendo contro due nemici sull'estremità opposta del ponte sul Tevere che si è davanti alla città, quando vide venirgli incontro un gran numero di ausiliari dei suoi avversari, temendo che si aprissero la via per la città con la forza, rivoltosi a quelli che stavano alle sue spalle, gridò loro di ritirarsi in fretta e di tagliare il ponte. Avendo quelli obbedito, egli resistette finché i compagni non ebbero tagliato il ponte, accusando un gran numero di ferite, e sostenne l'urto dei nemici non tanto trattenuti dalla sua forza quanto sbalorditi dalla sua resistenza e dal suo coraggio;

tagliato il ponte, ai nemici fu impedito l'attacco, mentre Coclite, gettatosi nel fiume con le armi, scelse deliberatamente la morte, avendo tenuto in maggior conto la sicurezza della patria e la gloria che gli sarebbe venuta dopo quest'impresa, che non la vita presente e quella che gli rimaneva.

Copyright © 2007-2018 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2018 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2018-11-07 16:39:08