Zeus si lamenta del suo lavoro - Versione greco di Luciano da Test di greco

Zeus si lamenta del suo lavoro
VERSIONE DI GRECO di Luciano
TRADUZIONE dal libro Test di greco

Άλλ' έπιτριβεΐεν όπόσοι των φιλοσόφων παρά μόνοις την ευδαιμονίαν φασίν εΐναι τοις θεοΐς.

Εϊ γοΰν ηδεσαν όπόσα των ανθρώπων ένεκα πάσχομεν, ούκ άν ημάς τοΰ νέκταρος ή της αμβροσίας έμακάριζον Όμήρω πιστέ ύσαντες, άνδρί τυφλω και γόητι, μά κάρας ήμας καλοΰντι καί τα έν ούρανω διηγουμένω, δς ουδέ τα έν τη γη καθοράν έδύνατο [...] Έγώ δέ αυτός ό πάντων βασιλεύς καί πατήρ όσας μέν αηδίας ανέχομαι, όσα δέ πράγματα έχω προς τοσαύτας φροντίδας διηθημένος ω πρώτα μέν τά τών άλλων θεών έργα έπισκοπεΐν αναγκαίο ν ό πόσοι τι ήμΐν συνδιαπράττουσι της αρχής, ώς μή βλακεύωσιν έν αύτοΐς, έπειτα δέ [...] με δει καί ταΰτα μέν ποιεΐν άποβλέπειν δέ κατά τον αυτόν χρόνον άπανταχόσε και πάντα έπισκοπεΐν ώσπερ τον έν τη Νεμέα βουκόλον, τους κλέπτοντας, τους επίορκουντας, τους θύοντας, ει τις έσπεισε, πόθεν ή κνίσα καί ό καπνός ανέρχεται, τίς νοσών ή πλέων έκάλεσεν, καί τό πάντων έπιπονώτατον, ϋφ' ένα καιρόν έν τε Όλυμπία τη εκατόμβη παρεΐναι καί έν Βαβυλώνι τους πολεμοΰντας έπισκοπεΐν καί έν Γέταις χαλαζάν καί έν Αϊθίοψιν εύωχεΐσθαι.

Possano crepare quei filosofi che vanno dicendo che la felicità risiede soltanto tra gli dèi.

Se sapessero davvero quante beghe noi sopportiamo per gli uomini, non ci riterrebbero beati per il nettare o per l’ambrosia, prestando fede a Omero, che è un cieco e un ciarlatano, il quale ci chiama beati e pretende di parlare delle cose che sono in cielo lui che non era in grado di vedere neppure quelle che sono sulla terra […]. Proprio io che sono re e padre di tutti quante grande sopporto, quante difficoltà trovo, diviso come sono tra tanti pensieri: prima di tutto devo controllare quello che fanno gli altri dèi che collaborano con me nel governo, per impedire che si lascino prendere dall’indolenza nei loro compiti, poi […] devo sia fare questo sia guardare nello stesso tempo in tutte le direzioni e stare attento a tutto proprio come il mandriano di Nemea, chi ruba, chi spergiura, chi fa sacrifici, se uno ha fatto libagioni, da dove si levano i vapori e il fumo, chi mi invoca se è malato o in mare, e, la cosa più faticosa di tutte, devo nello stesso momento essere ad Olimpia a presiedere un’ecatombe, a Babilonia a controllare i combattenti, mandare grandine tra i Geti e banchettare in mezzo agli Etiopi.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-30 00:09:16