Alcibiade elogia Socrate - Platone Simposio 215 a 4-d 5 passim

ALCIBIADE ELOGIA SOCRATE
VERSIONE DI GRECO

Σωκράτη δ' ἐγὼ ἐπαινεῖν, ὦ ἄνδρες, οὕτως ἐπιχειρήσω, δι' εἰκόνων.

οὗτος μὲν οὖν ἴσως οἰήσεται ἐπὶ τὰ γελοιότερα, ἔσται δ' ἡ εἰκὼν τοῦ ἀληθοῦς ἕνεκα, οὐ τοῦ γελοίου. φημὶ γὰρ δὴ ὁμοιότατον αὐτὸν εἶναι τοῖς σιληνοῖς τούτοις τοῖς[b]ἐν τοῖς ἑρμογλυφείοις καθημένοις, οὕστινας ἐργάζονται οἱ δημιουργοὶ σύριγγας ἢ αὐλοὺς ἔχοντας, οἳ διχάδε διοιχθέντες φαίνονται ἔνδοθεν ἀγάλματα ἔχοντες θεῶν. καὶ φημὶ αὖ ἐοικέναι αὐτὸν τῷ σατύρῳ τῷ Μαρσύᾳ. ὅτι μὲν οὖν τό γε εἶδος ὅμοιος εἶ τούτοις, ὦ Σώκρατες, οὐδ' αὐτὸς ἄν που ἀμφισβητήσαις· ὡς δὲ καὶ τἆλλα ἔοικας, μετὰ τοῦτο ἄκουε.

ὑβριστὴς εἶ· ἢ οὔ; ἐὰν γὰρ μὴ ὁμολογῇς, μάρτυρας παρέξομαι. ἀλλ' οὐκ αὐλητής; πολύ γε θαυμασιώτερος ἐκείνου. [c]ὁ μέν γε δι' ὀργάνων ἐκήλει τοὺς ἀνθρώπους τῇ ἀπὸ τοῦ στόματος δυνάμει, καὶ ἔτι νυνὶ ὃς ἂν τὰ ἐκείνου αὐλῇ ‑ ἃ γὰρ Ὄλυμπος ηὔλει, Μαρσύου λέγω, τούτου διδάξαντος ‑ τὰ οὖν ἐκείνου ἐάντε ἀγαθὸς αὐλητὴς αὐλῇ ἐάντε φαύλη αὐλητρίς, μόνα κατέχεσθαι ποιεῖ καὶ δηλοῖ τοὺς τῶν θεῶν τε καὶ τελετῶν δεομένους διὰ τὸ θεῖα εἶναι.

σὺ δ' ἐκείνου τοσοῦτον μόνον διαφέρεις, ὅτι ἄνευ ὀργάνων ψιλοῖς λόγοις ταὐτὸν[d]τοῦτο ποιεῖς. ἡμεῖς γοῦν ὅταν μέν του ἄλλου ἀκούωμεν λέγοντος καὶ πάνυ ἀγαθοῦ ῥήτορος ἄλλους λόγους, οὐδὲν μέλει ὡς ἔπος εἰπεῖν οὐδενί· ἐπειδὰν δὲ σοῦ τις ἀκούῃ ἢ τῶν σῶν λόγων ἄλλου λέγοντος, κἂν πάνυ φαῦλος ᾖ ὁ λέγων, ἐάντε γυνὴ ἀκούῃ ἐάντε ἀνὴρ ἐάντε μειράκιον, ἐκπεπληγμένοι ἐσμὲν καὶ κατεχόμεθα

TRADUZIONE

Io tenterò, amici, di lodare Socrate così: per immagini. Egli, dunque, penserà forse (che lo faccio) per rendere il discorso più divertente; e invece l´immagine avrà come scopo la verità, non il divertimento. Affermo dunque che egli è similissimo a questi sileni che si trovano nelle botteghe degli scultori, che gli artigiani ritraggono con zampogne o flauti, e che, aperti in due, mostrano di avere all´interno delle statuette di dèi. E sostengo inoltre che egli assomiglia al satiro Màrsia. Che in effetti, almeno nell´aspetto (fisico), tu sia simile a questi (esseri), o Socrate, neppure tu stesso potresti metterlo in dubbio, forse: quanto poi al fatto che somigli loro anche nel resto, sta´ un po´ a sentire.

Tu sei brutale: o no? Se non lo ammetti ti porterò dei testimoni! Ma forse non sei flautista? (Sì che lo sei), e molto più straordinario di lui (= Marsia)! Egli, infatti, incantava gli uomini con i (suoi) strumenti musicali, grazie alla potenza della (sua) bocca; e tu sei diverso da lui solo in questo: che produci questo stesso (effetto) senza strumenti, con (le) nude parole.

Infatti, quando noi ascoltiamo qualcun altro, anche un bravissimo retore, pronunciare altri discorsi, non importa, per così dire, un accidente a nessuno; quando invece uno ascolta te, o un altro che riporta (qualcuno) dei tuoi discorsi, anche se l´oratore è perfettamente mediocre, o che (ti) ascolti una donna, o un uomo, o un ragazzino, rimaniamo sbalorditi e (ne) siamo conquistati.

Copyright © 2007-2018 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2018 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2018-09-02 15:00:00