Polifemo innamorato - Ovidio Mondo latino versione latino

Polifemo innamorato versione latino Ovidio
traduzione dal libro mondo latino laboratorio

Polyphemus fistulam sumpsit et canere instituit. Resonuerant montes, sensrunt undae talia dicta:
"Candidior folio nivei ligustri, Galatea, floridior pratis, longa procerior alno, splendidior vitro, tenero lascivior haedo, levior conchis aequore detritis, gratior solibus hibernis aut aestiva umbra, mobilior damma, conspectior alta platano, lucidior glacie, matura dulcuior uva, mollior cynci plumis et, si non fugis, formosior riguo horto.Attamen, Galatea, cum amorem recusas, saevior indomitis iuvencis, durior annosa quercu, fallacior undis, immobilior scopulis, violentior amne, pavone superbior, acrior igni, asperior tribulis, immitior hydro, ac non tantum cervo latratibus acto, verum etiam ventis fugacior.

At si me bene cognoscere didiceris iam non fugies, moras tuas damnabis et me retinere temptabis

Polifemo prese la zampogna e cominciò a cantare. Eccheggiano i monti sentirono undae talia dieta: "Sei il più più candido di un petalo di ligustro, o Galatea, più florida dei prati, più slanciata di un ontano vettante, più splendente del cristallo, più gaia di un capretto appena nato, più liscia di conchiglie levigate dal flusso del mare, più gradevole del sole in inverno, dell'ombra d'estate, più amabile dei frutti, più attraente di un platano eccelso, più luminosa del ghiaccio, più dolce dell'uva matura, più morbida di una piuma di cigno e del latte cagliato,e, se tu non fuggissi, più bella di un orto irriguo, ma ancora, Galatea, più impetuosa di un giovenco selvaggio, più dura di una vecchia quercia, più infida dell'onda, più sgusciante dei virgulti del salice e della vitalba, più insensibile di questi scogli, più violenta di un fiume, più superba del pavone che si gonfia, più furiosa del fuoco, più aspra delle spine, più ringhiosa dell'orsa , più sorda dei marosi, più spietata di un serpente calpestato, e, cosa che più d'ogni altra vorrei poterti togliere, più veloce, quando fuggi, non solo del cervo incalzato dall'urlo dei latrati, ma del vento che soffia impetuoso: ma se già mi conoscerai bene già non fuggirai, condanneresti le tue pazzie e cercheresti di trattenermi"

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 22:02:25