Pausania, Descrizione della Grecia libro 3.4.1 - 3.4.2

Κλεομένης δὲ ὡς ἐβασίλευσεν, αὐτίκα ἐσέβαλεν ἐς τὴν Ἀργολίδα, Λακεδαιμονίων τε αὐτῶν ἀθροίσας καὶ τῶν συμμάχων στρατιάν.

ὡς δὲ ἐπεξῆλθον οἱ Ἀργεῖοι σὺν ὅπλοις, ὁ Κλεομένης ἐνίκα τῇ μάχῃ: καὶ --ἦν γὰρ πλησίον ἄλσος ἱερὸν Ἄργου τοῦ Νιόβης-- καταφεύγουσιν ὡς ἐτράποντο ὅσον τε πεντακισχίλιοι τῶν Ἀργείων ἐς τὸ ἄλσος.

Κλεομένης δὲ--ἐξώρμει γὰρ τὰ πολλὰ ἐκ τοῦ νοῦ--κελεύει καὶ τότε ἐνεῖναι πῦρ τοῖς εἵλωσιν ἐς τὸ ἄλσος, καὶ τό τε ἄλσος ἡ φλὸξ ἐπέλαβεν ἅπαν καὶ ὁμοῦ τῷ ἄλσει καιομένῳ συγκατεκαύθησαν [αὖθις] οἱ ἱκέται.

[4.2] ἐστράτευσε δὲ καὶ ἐπὶ Ἀθήνας, τὸ μὲν πρότερον Ἀθηναίοις τε ἐλευθερίαν ἀπὸ τῶν Πεισιστράτου παίδων καὶ αὑτῷ καὶ Λακεδαιμονίοις δόξαν ἐν τοῖς Ἕλλησιν ἀγαθὴν κτώμενος, ὕστερον δὲ Ἀθηναίου χάριτι ἀνδρὸς Ἰσαγόρου τυραννίδα οἱ συγκατεργασόμενος Ἀθηνῶν. ὡς δὲ ἡμάρτανε τῆς ἐλπίδος καὶ οἱ Ἀθηναῖοι περὶ τῆς ἐλευθερίας ἐμαχέσαντο ἐῤῥωμένως, ἐνταῦθα ὁ Κλεομένης ἄλλα τε ἐδῄωσε τῆς χώραςκαὶ τῆς καλουμένης Ὀργάδος θεῶν τε τῶν ἐν Ἐλευσῖνι ἱερᾶς, καὶ ταύτης τεμεῖν φασιν αὐτόν.

Appena Cleomene regnò subito assalì l'Argolide radunando un esercito degli stessi Spartani e di alleati; e quando gli Argivi (lo) assalirono con armi Cleomene vinse con la battaglia.. Ora (infatti il bosco sacro di Argo figlio di Niobe era vicino) vi fuggirono, come furono distrutti circa cinquemila argivi nel bosco. Cleomene (qualche volta era trasportato fuori i se) ordinò allora agli Elioti di mettere fuoco al bosco, e le fiamme lo invasero tutto ed insieme con il bosco incendiato, furono nello stesso luogo bruciati i supplichevoli. Andò ancora verso Atene con le truppe; una volta rese agli ateniesi la libertà tolta loro dai figli di Pisistrato, acquistando perciò grande gloria sia presso gli spartani che presso i greci, ma un'altra volta volle aiutare per compiacenza Isagora cittadino ateniese a diventare tiranno. Rimase però frustrato nella speranza e gli ateniesi combatterono fortemente per la libertà ed egli devastò le altre parti del territorio attico e qella detta Orgade, sacra alle dee di Eleusi. anche questa fu da lui distrutta.

Copyright © 2007-2018 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2018 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2018-11-07 15:49:13