Pausania, Descrizione della Grecia libro 8.20

La triste storia di Leucippo

προελθόντων δὲ σταδίους ὡς πεντήκοντα ἐκ Λυκουρίας, ἐπὶ τοῦ Λάδωνος ἀφίξῃ τὰς πηγάς: ἤκουσα δὲ ὡς τὸ ὕδωρ λιμνάζον ἐν τῇ Φενεατικῇ, κατερχόμενον ἐς τὰ βάραθρα τὰ ἐν τοῖς ὄρεσιν, ἄνεισιν ἐνταῦθα καὶ ποιεῖ τῷ Λάδωνι τὰς πηγάς. τοῦτο μὲν δὴ οὐκ ἔχω σαφῶς εἰπεῖν, εἴτε οὕτως εἴτε ἄλλως ἐστὶν ἔχον: ὁ δὲ Λάδων ποταμῶν τῶν ἐν Ἑλλάδι ὕδωρ παρέχεται κάλλιστον, ἔχει δὲ καὶ ἄλλως ἐς ἀνθρώπους φήμην Δάφνης τε εἵνεκα καὶ †τὰ ᾀδόμενα ἐς τὴν Δάφνην. [20.2] τοῦ λόγου δὲ τοῦ ἐς Δάφνην τὰ μὲν Σύροις τοῖς οἰκοῦσιν ἐπὶ Ὀρόντῃ ποταμῷ παρίημι, λέγεται δὲ καὶ ἄλλα τοιάδε ὑπὸ Ἀρκάδων καὶ Ἠλείων. Οἰνομάῳ τῷ δυναστεύσαντι ἐν Πίσῃ Λεύκιππος ἦν υἱός.

οὗτος ἐρασθεὶς Δάφνης ὁ Λεύκιππος ἐκ μὲν τοῦ εὐθέος μνώμενος γυναῖκα ἕξειν ἀπεγίνωσκεν αὐτὴν ἅτε ἅπαν τὸ ἄρσεν γένος φεύγουσαν: παρέστη δέ οἱ τοιόνδε ἐς αὐτὴν σόφισμα. [20.3] ἔτρεφεν ὁ Λεύκιππος κόμην τῷ Ἀλφειῷ: ταύτην οἷα δὴ παρθένος πλεξάμενος τὴν κόμην καὶ ἐσθῆτα ἐνδὺς γυναικείαν ἀφίκετο ὡς τὴν Δάφνην, ἐλθὼν δὲ Οἰνομάου τε ἔλεγεν εἶναι θυγάτηρ καὶ ὡς συνθηρᾶν ἐθέλοι τῇ Δάφνῃ.

ἅτε δὲ εἶναι παρθένος νομιζόμενος, καὶ τὰς ἄλλας ὑπερβεβλημένος παρθένους γένους τε ἀξιώματι καὶ σοφίᾳ τῇ ἐς τὰ κυνηγέσια, πρὸς δὲ καὶ τῇ θεραπείᾳ περισσῇ χρώμενος, ἐς φιλίαν ἰσχυρὰν ἐπάγεται τὴν Δάφνην. [20.4] οἱ δὲ τὸν Ἀπόλλωνος ἔρωτα ἐς αὐτὴν ᾄδοντες καὶ τάδε ἐπιλέγουσιν, Ἀπόλλωνα Λευκίππῳ νεμεσῆσαι τῆς ἐς τὸν ἔρωτα εὐδαιμονίας. αὐτίκα δὲ ἐπεθύμησεν ἐν τῷ Λάδωνι ἡ Δάφνη καὶ αἱ λοιπαὶ παρθένοι νήχεσθαι, καὶ τὸν Λεύκιππον ἀποδύουσιν ἄκοντα: ἰδοῦσαι δὲ οὐ παρθένον τοῖς τε ἀκοντίοις αὐτὸν καὶ ἐγχειριδίοις τύπτουσαι διέφθειραν.

1. Avanzando cinquanta stadi da Licuria, si arriva alle sorgenti del Ladone.

E ho sentito, che l’acqua, che ristagna nella Feneatica, scendendo nelle voragini, che sono nei monti, sbocca in questo luogo, e produce le sorgenti del Ladone: io non so dire chiaramente se questa cosa vada così, o in altro modo. Il Ladone porge l’acqua più bella di tutti i fiumi della Grecia. È inoltre celebre presso gli uomini per Dafne, e le cose, che di quella si cantano. 2. Tralascio ciò, che di Dafne raccontano quelli che abitano in Siria sull’Oronte: si dicono però queste altre cose ancora dagli Arcadi, e dagli Elèi. Di Enomao, che dominò su Pisa era figlio Leucippo. Costui acceso di amore per Dafne, siccome credeva, che se si fosse mostrato suo pretendente, non l’avrebbe mai ottenuta in moglie  poiché ella fuggiva gli uomini, perciò gli venne in mente questa astuzia.

Egli nutriva la chioma all’Alfèo; essendosela dunque come una vergine intrecciata, vestitosi di una veste da donna andò da Dafne. Arrivato le disse, che era figlia di Enomao, e che insieme con Dafne voleva uscire a caccia.

E come colui che una vergine era creduto, e le altre donzelle per la dignità del suo lignaggio, e la intelligenza sua nella caccia superava, ed inoltre usava molta cortesia verso di lei, portò Dafne ad una forte amicizia. Quelli, che cantano l’amore di Apollo verso di lei aggiungno, che il Dio invidiasse a Leucippo la sua fortuna nell’amore: infatti Dafne, e le altre vergini bramarono subito di nuotare nel Ladone, e spogliarono Leucippo contro la sua volontà: e visto che non era una fanciulla, ferendolo con gli strali, e con i pugnali lo uccisero. Così narrano queste cose.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-03-29 22:44:16