Alessandro a Susa: il presagio degli Dei - Versione greco

Alessandro a Susa il presagio degli dei
Versione greco Diodoro Siculo e traduzione

Dopo aver visto che lui piangeva, Alessandro domandò: "che cosa di male hai visto che ti ha fatto piangere?". E l'eunuco disse: "ora sono tuo schiavo, ma prima (ero schiavo) di Dario, e per natura essendo molto affezionato al padrone, ho sofferto quando ho visto che ciò era fortemente stimato da lui ora è diventato una cosa di scarso valore". Allora, il re, a causa della risposta fattosi un'idea di tutto lo scompiglio nella reggia persiana, capì di aver fatto qualcosa di oltraggioso e di molto sconveniente alla sua moderazione verso i prigionieri di guerra.

Perciò, fatto chiamare colui che aveva posto la tavola, gli ordinò di sollevarla di nuovo.

Allora, Filota, che era presente, "ma non è superbia", disse, "quello che non è stato disposto da te, ma per il piano e la volontà di una buona divinità". Allora, il re, avendo preso ciò che era stato detto come un augurio, ordinò di lasciare che la tavola fosse sotto il trono.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-03-04 10:56:54 - flow version _RPTC_G1.1