Della bigamia di Socrate

Σωκράτης Σωφρονίσκου μὲν ἦν υἱὸς λιθουργοῦ καὶ Φαιναρέτης μαίας, ὡς καὶ Πλάτων ἐν Θεαιτήτῳ φησίν, Ἀθηναῖος, τῶν δήμων Ἀλωπεκῆθεν Φησὶ δ' Ἀριστοτέλης δύο γυναῖκας αὐτὸν ἀγαγέσθαι· προτέραν μὲν Ξανθίππην, ἐξ ἧς αὐτῷ γενέσθαι Λαμπροκλέα· δευτέραν δὲ Μυρτώ, τὴν Ἀριστείδου τοῦ δικαίου θυγατέρα, ἣν καὶ ἄπροικον λαβεῖν, ἐξ ἧς γενέσθαι Σωφρονίσκον καὶ Μενέξενον.Οἱ δὲ προτέραν γῆμαι τὴν Μυρτώ φασιν· ἔνιοι δὲ καὶ ἀμφοτέρας ἔχειν ὁμοῦ, ὧν ἐστι Σάτυρός τε καὶ Ἱερώνυμος ὁ Ῥόδιος.

Φασὶ γὰρ βουληθέντας Ἀθηναίους διὰ τὸ λειπανδρεῖν συναυξῆσαι τὸ πλῆθος, ψηφίσασθαι γαμεῖν μὲν ἀστὴν μίαν, παιδοποιεῖσθαι δὲ καὶ ἐξ ἑτέρας· ὅθεν τοῦτο ποιῆσαι καὶ Σωκράτην.

Socrate era figlio di Sofronisco scultore e Fenarete levatrice, come afferma anche Platone nel Teeteto. Ateniese, del demo Alopece. Aristotele dice che sposò due donne, la prima, Santippe, da cui ebbe Lamprocle; la seconda, Mirto, figlia di Aristide il Giusto, che prese anche senza dote, da cui nacquero Sofronisco e Menesseno.

Alcuni dicono che sposò prima Mirto, altri ancora, fra cui Satiro e Ieronimo di Rodi, che ebbe entrambe le mogli contemporaneamente.

Dicono, infatti, che gli Ateniesi, desiderando incrementare la popolazione a causa della scarsezza di uomini, decretarono che si sposasse una sola donna, cittadina ateniese, ma si procreassero figli anche da un'altra: Socrate avrebbe fatto appunto così.

Copyright © 2007-2018 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2018 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2018-09-02 14:31:40