Parilia 1 pagina 333 numero 21

Messaggioda AnnaRa67 » 8 nov 2018, 13:56

1. In una ex Reate urbis portis haec verba inscripta legimus "I et redi feliciter". 2. Caesar cum exercitu in Hispaniam ierat, ubi Pompeii filii ingens bellum contra eum paraverant 3. Non est, cives, praetereundum quantorum malorum causa fuerint populo Romano Sullae et marii simultantes 4. Quocumque nos Fortuna fert ibimus, o socii comitesque 5. Numquam redibunt horae quae iam Numquam redibunt horae quae iam praeterierunt. 6. in Campaniam eramus ituri, cum subita tempestas iter nostrum impedivit 7. quomodo fit, maecenas, ut nemo ea sorte sit contentus quam sibi vel ratio dederit vel fors obiecerit, et laudet sequentes diversa? 8. Ex illa auguris sententiam factum est ut omnes mulieres, capite velato, in Iunonis templum convenirent, immines urbi fatum votis deprecaturae 9. Consules fiunt quotannis et novi proconsules: solus aut rex auta poeta non quotannis nascitur....

Parilia 1 pagina 333 numero 21, frasi dalla 7 alla 12.
Allegati
Parilia 1 pagina 333 numero 21.jpg

AnnaRa67

nuovo iscritto
nuovo iscritto
 
Risposte:

Messaggioda giada » 8 nov 2018, 15:03

1. In una delle porte della città di Rieti leggiamo scritte queste parole: "vai e torna con buon esito". 2. Cesare era andato in Spagna con l'esercito, dove i figli di Pompeo avevano preparato contro di lui una grande guerra. 3. O cittadini non bisogna tralasciare (non deve essere tralasciata) la causa di quanti mali per il popolo romano furono le rivalità di Silla e di Mario
LA TRADUZIONE CONTINUA QUI

giada

Site Admin
Site Admin
 

Torna a LATINO e GRECO

release check: 2018-11-08 16:04:37