Brano nº 16 di pagina 246 ("Tantucci plus 1")

Messaggioda ilmurettodipaolo » 11 apr 2018, 16:16

Alessandro e il medico Filippo - Tantucci Plus]"Alessandro Magno e il medico Filippo"
TRADUZIONE DAL LATINO.

Alessandro Magno era giunto a Tarso, dove fu colpito [lett.: «venne conquistato»] dalla bellezza del fiume Cidno. Lì, sporco [lett.: «carico»] di polvere e di sudore, aveva deposto le armi e si era immerso nella gelida acqua del fiume per il suo refrigerio. Allora la rigidità s'impadronì di colpo dei suoi muscoli, la (sua) voce si bloccò [lett.: «fu interrotta»] ed (egli) si ritrovò non solo (senza alcuna) speranza di medicamento, ma anche [lett.: «neanche»] senza il rallentamento [lett.: «dilazione»] del pericolo. C'era un solo medico tra quelli del re [lett.: «c'era uno solo tra i medici del re»], di nome Filippo, che prometteva una medicina per la salvezza di Alessandro. Ma una lettera di Parmenione che era stata spedita dalla Cappadocia il giorno prima rendeva il medico sospetto. Parmenione, infatti, ignaro dell'infermità di Alessandro, aveva dubitato dell'onestà di Filippo, poichè – così scrisse il comandante ad Alessandro – era stato corrotto con una grande somma di denaro da Dario, re dei Persiani. Tuttavia Alessandro preferì fidarsi dell'onestà [lett.: «credere all'onestà»] del medico piuttosto che morire di una malattia certa. (Alessandro) prese la coppa (della medicina) e, contemporaneamente, diede la lettera a Filippo e rivolse i suoi occhi verso il medico. Appena vide il medico tranquillo, sorrise sereno. Alessandro riacquistò la salute dopo pochi giorni.
– da Giustino
Allegati
Testo versione.png

ilmurettodipaolo

Utente GOLD
Utente GOLD
 
Risposte:

Messaggioda giada » 12 apr 2018, 5:07

giada

Site Admin
Site Admin
 

Torna a Dona una versione

release check: 2022-01-16 01:05:32 - flow version _RPTC_G1.1