I Ciclopi costruiscono le armi per Enea

Messaggioda ilmurettodipaolo » 7 mar 2019, 14:58

I CICLOPI COSTRUSCONO LE ARMI PER ENEA
Versione nº 13 di pagina 123, «Didici» 2

Sub insula, quae Vulcanus appellata est, quondam Cyclopum antra erant atque incudinum ictus fragorem ad auras referebant. Die quo Venus, nova arma Aeneae filio quaesitura Vulcanum adivit, deus ab alto caelo descendit, quia opus tanti momenti erat, ut se praesente confĭci cuperet. Cum vero antrum iniit, alii Cyclopes immensum Iovis fulmen excudebant; alii Marti apparabant currum, quo ille vectus urbes circŭmit atque ad horrida bella viros concĭtat. Et ecce Vulcanus, ubi in medium antrum prodiit: «Cuncta intermittite, inquit, coeptosque labores auferte: nunc arma acri viro facienda sunt». Dixerat, ac statim illi in novum opus incumbunt. Alii enim ventosis follibus ignes in vasta fornace refŏvent, alii aes et aurum fundunt, alii metallum stridens in lacu tingunt, alii denique ingentem Aeneae clipeum informant.

Su un’isola, che fu chiamata Vulcano, c’erano anticamente le spelonche dei Ciclopi e i colpi delle incudini riecheggiavano fragore in aria (lett.: “verso le arie”). Nel giorno in cui Venere andò da Vulcano a chiedere nuove armi per il figlio Enea, il dio scese dall’alto cielo, poiché il lavoro era di così grande importanza, che desiderava che fosse eseguito con lui presente (lett.: “mentre presiedeva”). In realtà, quando entrò nella spelonca, alcuni ciclopi forgiavano un enorme fulmine di Giove; altri allestivano per Marte il carro, con il quale egli, trasportato, perlustra le città e spinge gli uomini verso terribili guerre....(continua)
LA TRADUZIONE CONTINUA SUL NOSTRO SITO QUI!

ilmurettodipaolo

Utente GOLD
Utente GOLD
 

Torna a Dona una versione

release check: 2022-01-16 00:45:21 - flow version _RPTC_G1.1