Ostilità tra Liguri e Romani

Messaggioda ilmurettodipaolo » 8 mar 2019, 20:20

OSTILITÀ TRA LIGURI E ROMANI
Versione nº 520 di pagina 442, «So tradurre!»

Lucius Aemilius Paulus principio veris in Ligures Ingaunos exercitum induxit eos coërcendi causa. Ubi in hostium finibus castra posuit, legati ad eum, per speciem (“con l’apparenza”) pacis petendae, sed re vera speculatum castra hostium venerunt. Cum negaret Paulus se pacem daturum nisi se dederent, petebant ut indutiae decem dierum sibi darentur plebi suae persuadendi causa. Etiam petebant ne inter indutias milites Romani trans montes proximos, ubi sedes Ligurum erat, pabulatum lignatumque irent. Id ubi impetraverunt, post eos ipsos montes exercitu suo coacto, repente multitudine ingenti castra Romanorum oppugnatum descenderunt. Tanta vi ad castrorum portas pugnatum est ut ne locus (“possibilità”) quidem aciem explicandae datus sit. Romani, conferti in portis, obstando magis quam pugnando castra defenderunt usque ad occasum solis, cum hostes ab oppugnando recesserunt.

Lucio Emilio Paolo all’inizio della primavera condusse l’esercito contro gli Ingauni Liguri, per trattenerli. Quando collocò l’accampamento nei confini dei nemici, degli ambasciatori andarono da lui — con l’apparenza di chiedere pace — ma in realtà [andarono] per spiare l’accampamento dei nemici. Poiché Paolo negava che li sarebbe stata data la pace a meno che non si arrendessero, chiedevano che li venisse data una tregua di dieci giorni, per convincere la loro gente. Durante la tregua, chiedevano anche che i soldati romani non andassero a procurarsi cibo e a far legna oltre i monti vicini, dove vi era la sede dei Liguri. ...
LA TRADUZIONE CONTINUA QUI
DAL LIBRO SO TRADURRE

ilmurettodipaolo

Utente GOLD
Utente GOLD
 
Risposte:

Messaggioda giada » 9 mar 2019, 10:00

Grazie per il tuo prezioso contributo ! ILOVEYOU

giada

Site Admin
Site Admin
 

Torna a Dona una versione

release check: 2022-01-16 00:45:20 - flow version _RPTC_G1.1