IL LEONE E LA VOLPE - Versione So Tradurre

Messaggioda ilmurettodipaolo » 3 mag 2019, 19:48

Versione nº 516, pagina 440 — “So tradurre!”

Leo, senectute gravatus, cum aetate retardaretur neque iam celeritatem praedarum suis viribus aequare posset, languorem et imbecillitatem gravissimam simulando insidosum dolum molitus est. Hac fraude deceptae, ferae ex proximis silvis conveniebant eum salutatum, sed statim crudeli nece dilaniabantur. Callida vulpes quoque venit neque in speluncam leonis ingressa est; sed pro ostio constitit et inde regem salutavit. Leo, cum frustra eam invitasset in specu, obstupefactus quaesivit cur foras moraretur nec ingredi vellet. Cui vulpes subridens: «Quia» inquit «intrantium, non excedentium, humi vestigia video». Sic respondendo, leonis non tantum dolum elusit, sed etiam irrisit. Fabula narratur ad documentum eorum qui, cum imperiti sint, facile dolosis verbis allecti, in insidias improborum incidunt.

Un leone, acciaccato dalla vecchiaia, poiché era indebolito dall’età e poiché non poteva più raggiungere la velocità delle prede con la sua forza [dativo], fingendo debolezza e una malattia gravissima, escogitò un tranello insidioso. Raggirati con l’inganno in questo modo, gli animali si radunavano dal bosco più vicino per visitarlo, ma venivano subito straziati da una morte crudele. ...
LA TRADUZIONE CONTINUA QUI
DAL LIBRO SO TRADURRE

ilmurettodipaolo

Utente GOLD
Utente GOLD
 
Risposte:

Messaggioda giada » 4 mag 2019, 17:32

Grazie infinite per il tuo contributo grazieate ILOVEYOU

giada

Site Admin
Site Admin
 

Torna a Dona una versione

release check: 2022-06-02 01:23:29 - flow version _RPTC_G1.1