Il Greco di Campanini 2 pagina 253 numero 9

Οιδα μεν οτι της Αγησιλαου αρετης τε και δοξης ου ραδιον εστιν αξιον επαινον γραψαι...

TESTO GRECO COMPLETO

1. So che non è facile scrivere un elogio degno della virtù e della fama di Agesilao.


2. I peltasti in verità temettero a tal punto gli Spartani che non si inoltravano a tiro di giavellotto contro gli opliti.
3. Ho temuto (δέδια, perfetto ind. 1a sing. δίω. ) che tu non dicessi anche qualcosa di scandaloso.
4. Infatti quanti si trovano a dedicarsi correttamente alla filosofia corrono il rischio che agli altri rimanga nascosto il fatto che di niente altro essi si curano se non di morire e di essere morti.


5. Gli asini, quando qualcuno (li) inseguiva, dopo aver corso avanti si fermavano: infatti correvano molto più velocemente dei cavalli.


6. Dato che il potere politico si era accentrato nella monarchia, Cicerone, abbandonato il suo impegno in prima linea, si diede a frequentare quei giovani a cui piaceva occuparsi di filosofia.
7. Assomigli ad un filosofo, ragazzo, e dici parole molto spiacevoli, sei sembrato certamente uno che è sciocco, se pensi che il vostro valore possa avere la meglio sulla potenza del re".

9. Alcibiade disse tutto ciò, gli Spartani che progettavano da prima loro stessi di condurre una campagna di guerra contro Atene indugiando e rimanendo ad aspettare ancora, ripresero molto più coraggio dopo che (Alcibiade) spiegò ciascuna di queste cose una per una, ritenendo anche di aver udito cose più sicure da parte di chi era informato. (Clicca qui per l'analisi di questa frase).

(By Vogue)

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-06 00:48:35 - flow version _RPTC_G1.1