Mathesis pagina 141 numero 20

Εις την εσπεραν οι δουλοι τους λυχνους αναπτουσι κφαι το συμποσιον παρασκευαζονται· ο δε Αλκαιος ο ποιητης ταχυνει αδει· "Πωνωμεν· τι δει αναμενειν τους λυχνους; Δακτυλος εστι η ημερα"....

TESTO GRECO COMPLETO

1. Verso sera gli schiavi accendono le lucerne e preparano il banchetto.

Il poeta Alceo si affretta e canta: "Beviamo, perché bisogna aspettare le lucerne? Il giorno è un dito. (modo di dire per "il giorno dura un attimo").
2. Dopo la cena i convitati cominciano anche il banchetto dei servi (περιτίθησι = περιτίθημι pres ind attiva 3° sg) uno (ὁ μὲν) pone intorno al collo dei partecipanti al banchetto, corone di aneto intrecciate un' altro (ὀ δὲ) stende il profumo nella coppa.


3. Il cratere è al centro colmo di vino ed il convitato dice al coppiere: "Porta, o coppiere, la coppa per bere, voglio bere tutto d'un fiato.
4. Durante il banchetto gli auli suonano [emettono suoni], fra i convitati gli uni bevono, gli altri discutono di filosofia, altri scherzano con le etere (cortigiane), il poeta Alceo dice al giovane amico: "Il vino, amico, è verità!"
5. Dopo il banchetto fra i convitati alcuni ritornano nelle case, altri si addormentano a causa del vino e altri vanno a fare baldoria e cantano presso le porte delle etere (δέχομαι): "accoglimi, ti supplico"

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-06 00:39:39 - flow version _RPTC_G1.1