Obliviscor iniurias tuas, Clodia, depono memoriam doloris

1. Dimentico le tue offese, oh Clodia, e metto da parte il ricordo del mio dolore.


2. Non mi ricordo di te senza un grande dolore.
7. I più si dimenticano degli sventurati non diversamente che dei defunti.
13. Catilina rammentava a uno della povertà, a un altro della sua ambizione, a molti della difficoltà e dell'ignominia, a molti della vittoria di Silla.
14. Richiamate all'ordine gli animi e mettete da parte il triste timore: forse un giorno sarà bello ricordare anche queste cose.


16. Divico, luogotenente degli Elvezii, consigliò a Cesare di ricordarsi sia della passata difficoltà del popolo Romano, sia dell'antico valore degli Elvezii.
17. Mi viene in mente di Catone, uomo estremamente saggio e accorto.


18. Mentre ero assente, mi veniva spesso in mente la patria e mi si presentavano tutte queste cose, i colli e i campi e il Tevere e la regione familiare alla vista.
20. Niente spaventò i soldati rivoltosi quanto il volto del comandante, quale (vale a dire "d'un modo che", "con una espressione che") dicevano di non ricordarsi neppure sul campo di battaglia.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 01:18:43 - flow version _RPTC_G1.1