Sapiens laetitia fruitur maxima

1. Il saggio gode di una serenità grandissima costante e propria.
2. Lo stato ha adempiuto a questa guerra infelice e nefasta.


3. Gli occhi talvolta possono non adempiere al loro dovere.
5. Gli dei non si nutrono né di cibo né di bevande.
8. Contro la mia volontà abbandono i doveri della vita, ai quali adempio con lealtà e laboriosità.


12. Dice Crisippo che il saggio non sente la mancanza di nulla e tuttavia egli necessita di molte cose, viceversa lo sciocco non ha bisogno di nulla, infatti egli non sa utilizzare nulla, ma sente la mancanza di tutto.

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-29 15:34:01 - flow version _RPTC_G1.3