Sapiens legibus non propter metum paret, sed quod id maxime salutare iudicat. Nemo patriam quia magna est amat

1. Il saggio obbedisce alle leggi non per paura, ma perché giudica ciò assolutamente vantaggioso.


2. Nessuno ama la patria perché è grande, ma (la ama) perché è la sua.
3. I Romani mandarono degli ambasciatori presso Tolomeo, il re dell'Egitto, perché Antioco, il re della Siria, lo aveva attaccato (bellum inferre:

"attaccare").
8. Filosofi, poeti ed oratori sono pericolosi, perché, con la dolcezza di un discorso e con la dolce melodia delle poesie, possono adescare con facilità gli animi sprovveduti.


9. Pompeo donò l'Armenia a Deiotaro, il re della Galazia, perché era stato un alleato della guerra contro Mitridate.

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-29 15:34:01 - flow version _RPTC_G1.3