Fedeltà di due schiavi

Urbini Panapionis servus, cum audisset dominum suum...habita est fides.

TESTO LATINO COMPLETO

Uno schiavo di Urbino Panapione, avendo udito che il suo padrone era stato proscritto dai triunviri, scambiata la veste con lui uscì di nascosto dalla parte posteriore dell'edificio e lui non si pentì di essere stato ucciso al posto di Panapione.

Anzio Restione proscritto dai triunviri ebbe come compagno della sua fuga un servo incatenato e marchiato a fuoco con un'inespiabile marchio di lettere.

Questi, avendo riconosciuto i soldati che stavano per giungere, allontanato il padrone, non si vergognò di preparare il rogo e gettò sopra a questo che bruciava il povero dopo essere stato catturato e ucciso.

Poi ai soldati che chiedevano dove fosse Anzio, rivolgendo la mano sul rogo, dati a loro stessi gli strumenti di tortura rispose che quello stava bruciando proprio lì. Dato che diceva cose simili al vero, gli fu attribuita fiducia.
(By Maria D. )

Versione tratta da Valerio Massimo

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-03-23 01:42:08 - flow version _RPTC_G1.1