Coda di paglia ... - Cicerone versione latino In pratica e in teoria

Coda di paglia ... versione latino Cicerone In pratica e in teoria

nec mihi placuit nec cuiquam tuorum quicquam te absente fieri quod tibi, cum venisses, non esset integrum.

equidem [quid] sentiam aut scribam ad te postea pluribus aut, ne ad ea meditere, imparatum te offendam coramque contra istam rationem meam dicam, ut aut te in meam sententiam adducam aut certe testatum apud animum tuum relinquam quid senserim, ut, si quando, quod nolim, displicere tibi tuum consilium coeperit, possis meum recordari. brevi tamen sic habeto, in eum statum temporum tuum reditum incidere ut iis bonis quae tibi natura, studio, fortuna data sunt facilius omnia quae sunt amplissima in re publica consequi possis quam muneribus.

quorum neque facultatem quisquam admiratur (est enim copiarum, non virtutis) neque quisquam est quin satietate iam defessus sit. sed aliter atque ostenderam facio qui ingrediar ad explicandam rationem sententiae meae; qua re omnem hanc disputationem in adventum tuum differo.

summa [te] scito in exspectatione esse eaque a te exspectari quae a summa virtute summoque ingenio exspectanda sunt. ad quae si es, ut debes, paratus, quod ita esse confido, plurimis maximisque muneribus et nos amicos et civis tuos universos et rem publicam adficies. illud cognosces profecto, mihi te neque cariorem neque iucundiorem esse quemquam.

M. Cicerone saluta Curione. A me non va e nemmeno ad alcuno dei tuoi che in tua assenza accada qualcosa che prt te non sia recuperabile quando verrai.

Quindi esporrò il mio pensiero o per guadagnarti al mio parere oppure per lasciare impresso nella tua mente come io la veda, affinché, se un domani, cosa che non vorrei, la tua deliberazione non ti piacerà più, tu possa ricordarti della mia. Tuttavia, in breve, persuaditi che il tuo ritorno viene a coincidere con una situazione tale che potrai conseguire tutte quelle soddisfazioni disponibili in uno stato potentissimo più facilmente con quei beni che ti sono stati dati dalla natura, la solerzia, la sorte piuttosto che elargendo doni.

Di questi ultimi nessuno ammira l'abbondanza (infatti si tratta di ricchezze materiali, non di virtù), ma non c'è alcuno che ne sia sazio. Ma agisco in maniera diversa da quanto avevo mostrato, io che comincio a spiegarti il motivo della mia opinione; perciò preferisco rimandare questa discussione al tuo arrivo.

Sappi che hai suscitato grandissima aspettativa e da parte tua si aspettano quelle cose che ci si deve attendere da una persona dotata di eccelso valore e sommo ingegno. Se ad esse sei preparato, come devi, e io spero che sia così, ricolmerai di numerosissimi e grandissimi doni noi amici, i tuoi cittadini e la repubblica. Saprai presto che nessuno mi è più caro e ben accetto di te.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:06:27