La battaglia di Isso

Macedones iam ad teli iactum pervenerant, cum Persarum equites ferociter in laevum cornu hostium invecti sunt.

... Fine: Omni planctu tumultuque castra resonabant. Namque tabernaculum solum, quod servi Dareo exornaverant omni luxu et opulentia instructum, intactum omiserunt milites.

I Macedoni erano ormai arrivati ad un tiro di giavellotto, quando i cavalieri dei Persiani si slanciarono ferocemente contro l'ala sinistra dei nemici.

E ormai anche l'ala destra di Alessandro veniva circondata. Allora il Macedone condusse coraggiosamente i cavalieri nel bel mezzo della guerra. Costretti a combattere corpo a corpo, sguainano prontamente le spade. Allora si sparse molto sangue. Dario si stagliava alto sul carro: Alessandro era sul cavallo; i cavalieri, schierati davanti al carro, difendevano il re. Ma i Macedoni, che erano attorno al re, incoraggiati dal reciproco incitamento, si lanciano contro la cavalleria.

Allora la strage era simile ad una catastrofe. Attorno al carro di Dario furono uccisi nobili condottieri. E inoltre, i cavalli che tiravano il carro di Dario, trafitti dalle lance, erano stati resi selvaggi dal dolore, quand'ecco che egli scende e viene posto su un cavallo, che lo seguiva per questo, e cercò la salvezza con la fuga. Allora gli altri si disperdono per la paura e fuggono.

La cavalleria incalzava i nemici che fuggivano. I barbari intrapresero una fuga rivolta in direzioni diverse: alcuni si diressero verso le rupi e le gole dei monti, altri verso l'accampamento di Dario. Ma ormai anche il vincitore era penetrato nel ricco e splendido accampamento. I soldati avevano depredato una grande quantità d'oro e d'argento, apparato non di guerra, ma di sfarzo. L'accampamento risuonava di ogni pianto e lamento. E infatti i soldati lasciarono intatta solo la tenda, che i servi avevano addobbato per Dario, fornita di ogni lusso e ricchezza.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:08:06